Oltre 4,5 milioni di dosi da inoculare in dodici giorni. Una media di 400mila al giorno. Numeri profondamente distanti da quanto le Regioni sono state in grado di mettere in campo recentemente, pur accelerando negli ultimi giorni, con una media di circa 280mila inoculazioni al giorno durante la settimana 22-28 novembre. È quasi un ritorno ai picchi estivi quello chiesto dal commissario straordinario Francesco Figliuolo nello stilare la tabella di marcia della campagna vaccinale, in particolare sulla terza dose che finora è stata somministrata al 10% della popolazione.

I 4,6 milioni di dosi tra l’1 dicembre – dopodomani – e il 12 sono il “numero minimo” auspicato dal commissario in una circolare indirizzata alle Regioni sui valori target della campagna vaccinale. Il picco quotidiano di inoculazioni è previsto il lunedì e martedì 6 e 7 dicembre e giovedì e venerdì 9 e 10 dicembre, con 450mila somministrazioni. Tra l’1 e 3 dicembre invece vengono prospettate 400mila dosi, destinate a scendere a 350mila nelle giornate di sabato (4 e 11 dicembre) e a 300mila nelle due domeniche (5 e 12) e mercoledì 8, giorno dell’Immacolata.

“Nel prendere atto dell’accelerazione impressa alla somministrazione di dosi booster grazie alla flessibilità delle Regioni e Province autonome nell’adeguare in senso incrementale il dispositivo alle mutate esigenze”, Figliuolo ha inviato agli enti locali “a titolo di collaborazione” i valori di riferimento da intendere quale numero minimo di inoculazioni giornaliere che “si ritiene auspicabile”. Nei giorni di maggiore sforzo richiesto, ad esempio, la Lombardia dovrà somministrare 77.043 dosi, Campania e Lazio oltre 42mila e la Calabria circa 14mila. Quando il valore nazionale dovrà raggiungere le 300mila dosi, invece, alla Lombardia ne toccheranno 50mila e a Lazio e Campania oltre 28mila.

I dati dell’ultima settimana – pubblicati su Twitter da Lorenzo Ruffino – sono assai distanti dagli obiettivi: lunedì le dosi inoculate sono state 249.694, il giorno dopo 275.918, sabato 296.735 e domenica 152.055 (dato parziale). Gli unici giorni – tutti infrasettimanali – nei quali si sono avvicinati i target dettati da Figliuolo sono stati mercoledì, giovedì e venerdì quando le dosi sono state rispettivamente 307.023, 332.442 e 347.424. La media settimanale si è quindi assestata a 280.127 dosi al giorno. Ci vorrà quindi un incremento di oltre il 40% da subito per arrivare al 12 dicembre allineati con i desiderata del commissario straordinario.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Infettivologo Gori: “Tampone dopo contatto con positivo? Non ha senso farlo prima di 4-7 giorni, sarebbe inattendibile”

next
Articolo Successivo

Variante Omicron, Speranza: “Campagne vaccinali centrali, serve impegno per far arrivare dosi ai paesi fragili”

next