Dopo il passaggio parlamentare iniziato nel giugno 2019 con l’ok della camera a un ddl ad hoc, il 4 novembre il Consiglio dei ministri ha approvato in via definita il provvedimento che attua la direttiva dell’Unione Europea contro le pratiche commerciali scorrette tra imprese nella filiera agroalimentare e nella commercializzazione dei beni agricoli e alimentari. Una misura che l’associazione Terra!, gruppo ambientalista attivo dal 2008 a sostegno dell’agricoltura ecologica, definisce “risultato storico” in quanto contenente il divieto della vendita di prodotti attraverso il ricorso a gare e aste elettroniche a ribasso. Si tratta infatti di pratiche con cui le grandi catene di supermercati riducono all’osso il prezzo pagato ai piccoli produttori, scaricando su di loro costi e rischi, per attirare i propri clienti con offerte sempre più accattivanti.

“È un traguardo che aspettavamo da tempo e che dà ragione alla battaglia che portiamo avanti da anni: fermare le aste al doppio ribasso è un chiaro segnale alla Grande distribuzione organizzata (Gdo) e restituisce dignità agli attori della filiera alimentare, a partire dagli agricoltori ai lavoratori agricoli”. Così in una nota il direttore dell’associazione Fabio Ciconte. Partendo dalle inchieste sue e Stefano Liberti, che hanno scoperto e denunciato per la prima volta il meccanismo di aggiudicazione nel 2016, Terra! ha più volte evidenziato quelle che lei stessa definisce “pratiche sleali della Gdo” e in particolare di alcune sigle dei discount. E qualche anno fa ha anche lanciato insieme insieme a Flai Cgil, la campagna #ASTEnetevi, che è riuscita a ottenere nel 2017 la firma di un protocollo tra una parte delle catene di vendita e il ministero dell’Agricoltura oltre a un disegno di legge approvato alla Camera nel 2019. Ora, prima ancora della fine del’iter di approvazione normativo, è arrivato il recepimento della direttiva di Bruxelles, che ha aggiunto le aste al ribasso all’elenco delle pratiche vietate. “Un percorso complesso, ma finalmente coronato da un successo importante per la società civile e il mondo agricolo”, ha concluso Ciconte.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Dl Infrastrutture è legge: dal bonus per patenti merci che accontenta le ditte di autotrasporto alla riforma dell’Anas – Cosa c’è nel decreto

next
Articolo Successivo

Bonus terme, in tilt la piattaforma di Invitalia. Rinvio delle prenotazioni al 9 novembre

next