Ospite di Silvia Toffanin nel salotto di Verissimo durante la puntata di oggi 17 ottobre, Lino Banfi ha parlato della moglie Lucia Zagaria, malata di Alzheimer. “Come sta?”, ha chiesto la conduttrice. L’attore ha però preferito evitare la domanda e Toffanin non ha insistito, anzi ne ha posta un’altra: “Dimmi allora come si arriva a festeggiare 60 anni di matrimonio?”. “Dicono che si chiamano nozze di diamante…”, ha esordito lui. Ma poi, evidentemente scosso, ha aggiunto: “In questo periodo mi fa tutte queste domande: ‘Ma non è che con la pandemia moriamo noi che abbiamo superato gli 80 anni?’. Pochi giorni fa mi ha chiesto: ‘Non possiamo trovare il sistema di morire insieme noi due?’“.

Silvia Toffanin, commossa, non è riuscita a proferire parola. “Lei ha detto che se muoio prima io, non ce la fa”, ha continuato Banfi trattenendo le lacrime. ‘Nonno Libero’ ha poi ricordato l’esempio di Sandra Mondaini ed Raimondo Vianello, morti uno a poca distanza dall’altra. Infine ha concluso: “I 60 anni insieme? Non c’è una ricetta. Si costruisce insieme: è come una casa: sacrifici e sofferenze. Non si demolisce più. Se morissimo insieme sarebbe un ‘miracolo scherzoso’, io lo chiamo così”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Alexandre Arnault e Gèraldine Guyot si sono sposati a Venezia: Da Beyoncé e Jay-Z a Pharrell Williams, tutti gli ospiti vip delle nozze da sogno della coppia milionaria

next
Articolo Successivo

Johnny Depp a Roma, l’attore arriva a Fiumicino e viene subito riconosciuto dai fan. Folla di ammiratori anche davanti all’hotel

next