Ci sono le azioni al portatore di Marina Berlusconi a Panama, affittuaria di una villa nelle Isole Bermuda, ma anche il condono fiscale e la tesoreria ai Caraibi dell’imprenditore Giampaolo Angelucci, editore di Libero e Il Tempo. E ancora: un trust a Singapore creato da Stefania Tucci e intestato a suo marito, l’ex ministro Gianni De Michelis. E ancora una società aperta da Bernabò Bocca, all’epoca in cui l’attuale presidente di Federalberghi era senatore di Forza Italia.

La nuova puntata dell’inchiesta giornalistica Pandora Papers, di cui L’Espresso è partner per l’Italia all’interno del consorzio Icij, riguarda gli affari delle “Pep”, le Persone esposte politicamente, il modo in cui vengono classificate dalle leggi anti-riciclaggio le società riconducibili a titolari di cariche politiche o ruoli pubblici e i loro familiari. A raccontare in esclusiva i dettagli sono i giornalisti Paolo Biondani, Vittorio Malagutti e Leo Sisti sul settimanale.

Nei Pandora Papers vengono citati più di 330 politici di 91 nazioni diverse, compresi 35 capi di stato e di governo, tra cui Tony Blair, capi dei servizi, generali, manager pubblici. Ma anche personaggi dello spettacolo, cantanti, sportivi e top model. E persino un boss della camorra, Raffaele Amato. Migliaia di nomi legati tra loro da un unico comune denominatore: sono tutti clienti di 14 studi internazionali che producono società offshore: hanno sede in Stati dove non esistono tasse e dove i titolari possono rimanere anonimi.

Tra i nomi ‘eccellenti’ italiani anche quelli di Roberto Mancini e Gianluca Vialli. Il ct della Nazionale di calcio campione d’Europa è indicato nei papers come azionista unico di Bastian Asset Holdings Ltd, società con sede nel paradiso fiscale delle Isole Vergini britanniche (British Virgin Islands, BVI). Vialli, invece – capodelegazione della nazionale azzurra agli Europei di Londra, nonché “gemello del gol” di Mancini ai tempi della Sampdoria – è proprietario di un’altra società registrata alle BVI, la Crewborne Holdings.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rai batte cassa per coprire il rosso. Gli 1,7 miliardi del canone in bolletta non bastano: “Lo paghino anche telefonini e tablet”

next
Articolo Successivo

“Decine di chiamate non autorizzate”. Il Garante della Privacy multa Sky Italia: 3 milioni di euro per telemarketing selvaggio

next