Mentre le proteste sono in corso in molte città d’Italia, a Livorno no. I portuali della città toscana infatti hanno deciso di non manifestare. Ne scrive Repubblica, che riporta le parole di Giuseppe Gucciardo, segretario della Filt Cgil: “Il nostro problema è il lavoro che spesso manca, ci sono persone che vorrebbero lavorare e non ne hanno la possibilità”. Fra Livorno e Piombino quasi 2mila addetti, di cui 1500 a Livorno. “La lotta deve avere un senso”, prosegue Guicciardo sul quotidiano diretto da Maurizio Molinari: “Certo che le discussioni ci sono state tra di noi, però alla fine ha prevalso il pragmatismo: per noi la vaccinazione è il rimedio alla pandemia“.

Sarebbero circa una ventina i lavoratori non vaccinati, che hanno chiesto all’azienda di avere prezzi calmierati per i tamponi. “È un dato di fatto: su un totale di 2mila lavoratori la maggioranza è vaccinata, quindi il problema qui non si pone”, prosegue Gucciardo nell’intervista. Nella giornata del 15 ottobre tutto funziona con regolarità.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milano, scoppia la lite tra i No green pass: “Andiamo all’Amsa”, “No, è troppo lontano…”. E alla fine qualcuno sbotta: “Ma che corteo è?”

next
Articolo Successivo

No green pass, 2mila persone al Circo Massimo a Roma: “Noi la democrazia”. Manifestanti offrono fiori alla polizia

next