Sono state emesse le prime condanne a Milano per due manifestanti al corteo No Green pass di sabato 2 ottobre quando migliaia di manifestanti sfilarono per le vie del centro tentando di arrivare in stazione Centrale e poi bloccando piazzale Loreto con un presidio. Una dozzina di persone fu portata in Questura per gli accertamenti. Cinque furono arrestate e sei denunciate a piede libero.

In particolare un 26enne è stato condannato – con rito abbreviato – a 8 mesi, con pena sospesa e non menzione, per resistenza aggravata per essersi rifiutato di farsi identificare e aver aggredito degli agenti. Per lui, “soggetto dalla non spiccata pericolosità sociale” l’avvocato Massimo Bertolini aveva chiesto l’assoluzione e in subordine “le generiche e i doppi benefici che il giudice gli ha concesso”.

Un altro partecipante alla manifestazione ha patteggiato, per la stessa fattispecie di reato, una condanna a sei mesi. Fino a questo momento sono quasi 200 le denunce complessive presentate – da fine luglio a sabato scorso – all’autorità giudiziaria di Milano nei confronti dei partecipanti ai cortei No green pass e sabato 16 è prevista un’altra manifestazione, all’indomani dell’entrata in vigore dell’obbligo del certificato verde sul luogo di lavoro. Dopo le violenze di Roma, con l’assalto alla sede della Cgil, la tensione è alta.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Eitan, “anche la procura del Canton Ticino indaga”. Attesa per la decisione del Tribunale a Tel Aviv

next
Articolo Successivo

Nicola Cosentino, definì i collaboratori di giustizia “camorristi schifosi”: assolto in appello

next