Cinque persone fra quelle che hanno preso parte al corteo No Green pass delle ore scorse sono state arrestate per resistenza a pubblico ufficiale e verranno processate il 4 ottobre per direttissima in Tribunale. La manifestazione del 2 ottobre ha visto la partecipazione di almeno 4mila persone. Undici sono stati portati in Questura per essere identificati e per una serie di accertamenti: i cinque arrestati sono accusati di resistenza aggravata e hanno tra i 48 e i 21 anni. Gli altri 6 manifestanti sono indagati a piede libero per vari reati tra cui, oltre sempre a resistenza, manifestazione non preavvisata, interruzione di pubblico servizio e violenza privata.

Le indagini sul corteo saranno coordinate da Alberto Nobili, il responsabile dell’antiterrorismo milanese, nel contesto di una inchiesta più ampia che vede i No vax e i No Green pass come stabili antagonisti e tra le loro fila sempre più tentativi di infiltrazioni di persone militanti nei partiti di destra o di sinistra. A seguito di ogni manifestazione finiscono denunciate e indagate una serie di persone, 41 solo per quella del 25 settembre.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Lampedusa, sbarcati circa 400 migranti nella notte. L’isola ricorda il naufragio del 2013: “È la giornata della memoria e dell’accoglienza”

next
Articolo Successivo

Milano, aereo precipita sopra un edificio in costruzione. Otto morti tra cui un bambino. Un testimone: “Come una bomba”

next