Il regista televisivo Massimo Manni è stato trovato morto nella sua casa di Roma. Il corpo senza vita del 61enne è stato scoperto intorno alle 19.30 di giovedì 23 settembre da un familiare che ha subito dato l’allarme: era a terra, in camera da letto. Nell’abitazione sono state trovate tracce di sangue e per chiarire le cause del decesso il pm di turno Francesco Saverio Musolino ha aperto un fascicolo per l’ipotesi di omicidio e ha disposto l’autopsia. Accanto al corpo non è stato trovato alcun bigliettino. La porta di ingresso dell’appartamento sulla Circonvallazione Clodia è stata aperta dai vigili del fuoco ed era senza mandate. Massimo Manni, 61 anni, lavorava per La7: tra le sue regie più note ci sono lo storico “Processo” di Aldo Biscardi e “Otto e mezzo” di Lilly Gruber.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Grande Fratello Vip, Katia Ricciarelli su tutte le furie: “Volete farmi passare per def***te, siete dei grandi maleducati”

next
Articolo Successivo

Gabby Petito morta, l’Fbi ha emesso un mandato d’arresto per il fidanzato Brian Laudrie: “Ha usato una carta di credito rubata”

next