Piccolo calo della disoccupazione a luglio che diminuisce dello 0,1% rispetto a giugno e si ferma al 9,3%. Questa la quota di persone in età lavorativa che ma non lo trovano. Lo comunica l‘Istat che nella sua nota evidenzia anche una discesa più marcata tra i più giovani (15-24 anni), con una flessione dell’1,6% al 27,7%. In altri termini ci sono 29mila persone in meno rispetto a giugno che stanno cercando lavoro. Il dato è meno positivo di quel che sembra. I disoccupati diminuiscono non solo se trovano un impiego ma anche se rinuncia a cercare lavoro e dunque, tecnicamente, passano tra gli inattivi (chi non ha e non cerca un impiego) che in luglio sono aumentati di 28mila unità e raggiungono ora quota 13 milioni 491mila. Luglio è stato il primo mese dopo la fine del blocco dei licenziamenti, con l’eccezione di alcuni settori come il tessile e il calzaturiero. Non sembrano esserci stati particolari scossoni ma, vista anche la gradualità della rimozione, è presto per tracciare bilanci. Tra giugno e luglio i dipendenti sono aumentati di 24mila unità e gli occupati complessivi sono calati solo per effetto di un calo degli autonomi (-47mila).

Lo dimostra anche il dato sull’occupazione, il totale degli occupati sulla popolazione in età lavorativa, che rimane fermo al 58,4%. Le persone che lavorano sono 23mila in meno rispetto a giugno ma 440mila in più rispetto all’anno prima grazie alla ripresa economica ed occupazionale che ha contraddistinto la prima metà dell’anno. Sono aumentati soprattutto i lavoratori dipendenti (+ 502mila) ma nella gran parte dei casi (377mila) con contratti a termine. In discesa il numero dei lavoratori autonomi (- 62mila) a cui sembra riconducibile la contrazione degli occupati registrata tra giugno e luglio. Il totale degli occupati è di 22 milioni 909mila persone. “Nonostante si registri un contenuto calo del numero di occupati e una stabilità del tasso di occupazione – commenta l’Istat – la forte crescita registrata nei precedenti cinque mesi ha determinato un saldo rispetto a gennaio 2021 di 550 mila occupati in più”. Tuttavia dal pre-Covid i è inferiore di oltre 260 mila unità.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’inflazione europea corre più delle attese. Balzo in Francia, Italia al 2,1%. La spinta più forte da carburanti e bollette

next
Articolo Successivo

Germania, problemi alle filiere la produzione delle industrie non tiene il passo degli ordini. Crollo dei consumi in luglio

next