Lei si chiama Gaël Tchakaloff (all’anagrafe Lucile Buffet) ed è una giornalista che per qualche anno è stata molto amica di Brigitte Macron. “Toutes les grandeurs de ce monde ne valent pas un bon ami”, e la prémière dame, c’è da scommetterci, lo sa bene. La giornalista ha deciso di scrivere un libro proprio su Brigitte e sul marito, il presidente Emmanuel Macron. Quasi un classico, fin troppo prevedibile: si è avvicinata alla fonte e poi, così. “Te l’ho detto che il mio libro avrebbe parlato di voi due e non solo del Presidente. Mi sembrava impossibile scrivere su di lui senza scrivere su di te. Non lo hai sopportato: le tue parole fredde, definitive, hanno interrotto il nostro scambio”. Questo avrebbe detto Gaël all’ex amica Brigitte. A dire la verità si fatica un po’ a comprendere cosa Brigitte non abbia sopportato: Tant qu’on est tous les deux (questo il titolo del libro) non è affatto ‘tremendo’ o ‘scandaloso’ come molti giornali hanno titolato, almeno per quel che riguarda ‘la coppia presidenziale’: niente che il mondo non si aspettasse, visto il gossip di questi anni. “Una sera vedo arrivare questa donna che dimostra meno dei suoi anni ma è nettamente più grande di Emmanuel, e quel che è incredibile è che si comportano come adolescenti, stanno tutto il tempo a pomiciare, si tengono per mano”, racconta Gaspard Gantzer, un amico (della coppia? Monsieur le Président, abbiamo un problema con la scelta dei compagni di brigata, se lo lasci dire). D’altronde, quale sarebbe la parte scabrosa della confessione di Gantzer? È vero che nel compiersi del libro, Macron appare come uno che non muove un passo senza aver consultato Brigitte ma anche questo i giornali di gossip (francesi e non) lo vociferano da anni. L’ex professoressa e l’attuale Presidente si amano, o meglio, sono una coppia solida. “Sono radicati l’uno nell’altra“, si legge. Insomma, senza mettere in mezzo i sentimenti che non si sa mai come va a finire, il leader di En Marche e la prémière dame sono una squadra con lei ben salda a ‘parare’ le eventuali debolezze di lui, le voci, i gossip, tutto. E il Presidente? Perché Tchakaloff parla anche di Macron “staccato dalle radici” di Brigitte: “È un attore, un attore eccellente. Ma ha cambiato continuamente volto, repertorio. Non si riesce a stargli dietro”, riporta il libro. A dirlo, una fonte anonima. Non è anche questa una definizione che si addice al 99% dei politici di tutto il mondo? Stando ai giornali francesi, ci sarebbero le dichiarazioni dell’ex presidente François Hollande a fare da ‘guida’ alla descrizione della personalità di Macron. Hollande che compare come “Quelqu’un”, “qualcuno”. Il libro è uscito il 25 agosto. “È una scienza, quella delle chiacchiere, che ha le sue seduzioni”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ciro Di Maio, chi è il conduttore arrestato per la ‘droga dello stupro’: da Carramba boy al profilo su Only Fans

next
Articolo Successivo

Vaccini, Nino Frassica non ha dubbi: “Stanco di sentire che Messina è ‘l’ultima provincia’”

next