La nazione con più vaccinati al mondo è l’Islanda, dove l’86% degli over 16 è vaccinato. Ma dal 25 luglio, nuove restrizioni sono tornate nell’isola. Ilfattoquotidiano.it ha intervistato Gudrun Aspelund, responsabile del Centro per la sicurezza sanitaria e il controllo delle malattie trasmissibili, del governo islandese, per capire cosa stia accadendo.

La nazione ha 375mila abitanti, e come isola rappresenta un caso esemplare da osservare per comprendere come sta reagendo il Sars-CoV2 a un ambiente fortemente ostile (vaccinato). Altri due contesti da tenere sotto osservazione, oltre l’Islanda, sono Israele e Cape Cod (negli Usa) perché stanno allertando la comunità scientifica mondiale. In breve, in Israele sono stati registrati negli ultimi giorni 221 ricoveri in gravi condizioni, di cui il 42% non-vaccinati e 58% vaccinati (va ricordata la proporzione dei vaccinati sulla popolazione totale: il 62% ha avuto due dosi, mentre il 66% una dose). Il secondo caso da seguire è negli Stati Uniti, dove i Cdc hanno redatto un rapporto sul caso di Cape Cod (una penisola nella Contea di Plymouth) ritenuto preoccupante: su 469 contagi 346 (74%) si sono verificati in persone completamente vaccinate e quasi l’80% di questi casi era sintomatico. Tra questi ci sono stati cinque ricoveri, quattro tra persone completamente vaccinate e una tra i non-vaccinati, nessun decesso. In questo contesto estremamente frammentato si stanno valutando nuove strategie in corsa, così ci ha fotografato la situazione islandese Gudrun Aspelund, rispondendo alle nostre domande.

Grazie al successo della vostra campagna vaccinale e fiduciosi di aver risolto il problema, dal 26 giugno avete rimosso tutte le restrizioni anti-Covid. L’Islanda è la nazione con più vaccinati al mondo. Corretto?
L’86% di coloro che hanno più di 16 anni sono completamente vaccinati ovvero circa il 70% dell’intera popolazione.

Dal 26 giugno in poi cosa è successo?
Dopo che tutte le restrizioni sono state revocate, stiamo vedendo un nuovo picco di infezioni a partire dall’inizio di luglio con un aumento significativo a metà luglio, così che le nuove restrizioni sono entrate in vigore il 25 luglio – si spera di stabilizzare la situazione, ma vedremo. Tutti fondamentalmente variante Delta. La maggior parte ha una malattia lieve, ma 19 persone sono state ricoverate in ospedale finora, 2 in terapia intensiva, 1 sul respiratore. La maggior parte degli infetti sono completamente vaccinati.

I non-vaccinati sono responsabili di questo aumento delle infezioni?
No

Nell’ultima settimana in Islanda ci sono stati 869 nuovi casi di Covid-19, un picco mai raggiunto prima nel paese?
Non “tutti” i nuovi casi sono tra i vaccinati, ma la maggior parte (poiché la maggior parte delle persone sono vaccinate).

I dati parlano di una “crescita esponenziale delle infezioni” che sono passate da 213 della settimana precedente a 869 di quest’ultima. Quale strategia adotterete ora?
I vaccini non prevengono le infezioni, ma sembrano ancora efficaci nel prevenire malattie gravi e ricoveri. Ad esempio, i ricoveri finora in questa “ondata” sono l’1% dei contagiati, ma prima erano il 4-5%.

Voglio aggiungere una considerazione che per ora è stata assente dal dibattito: l’efficacia dei vaccini è stata misurata in condizioni di distanziamento, chiusure, mascherine. Che cosa pensa di questo? Quanto ha influito sulla nostra percezione?
Non so rispondere a questo.

Qual è il vostro approccio terapeutico: come gestite i malati: li curate anche a casa, precocemente?
Curarli con la telemedicina a casa e il trattamento ambulatoriale il più possibile (valutazioni, fluidi, ecc come necessario). Ricovero in ospedale, naturalmente, se necessario.

Si torna alle restrizioni: maschere e distanze. Quando ne uscirete?
Non lo sappiamo e nessuno lo sa, credo. Ma mentre il virus sta circolando e mentre può causare gravi malattie potremmo dover mantenere alcune restrizioni e precauzioni. Si spera che con l’aumento dei tassi di vaccinazione a livello globale e forse con vaccinazioni regolari la situazione migliorerà. Inoltre il virus potrebbe diventare più debole e questo si trasformerà in un altro coronavirus “freddo” che raramente causerà malattie gravi. Difficile da dire.

Il rapporto dei Cdc

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

A Tokyo record di contagi da inizio pandemia: oltre 5mila nel mezzo delle Olimpiadi

next
Articolo Successivo

Siberia, decine di incendi devastano le foreste: a fuoco 1,5 milioni di ettari di taiga – Video

next