La scienza può essere fonte di tenerezza? Sì. Quello che proverete davanti a queste immagini sarà un misto dii ilarità e sensazione di meraviglia, come tornare bambini. “Normalmente evito questi riferimenti, ma wow: i veri SpongeBob e Patrick“. Sono le parole di uno scienziato della National Oceanic and Atmospheric Administration, Christopher Mah. Quando ha visto una spugna gialla e una stella marina, vicine, sul fondale marino, ha pensato proprio al noto cartone. E davvero, a chiudere gli occhi c’è da immaginarseli animati. Siamo sul fondale 200 miglia a est di New York. Avvistamento fatto da un veicolo operato da remoto e inviato proprio dalla NOAA. Si tratta di una spugna Hertwigia e di una stella Chondraste. Ora, la spugna è gialla, di un giallo che proprio pare quello di SpongeBob. Lo strato esterno delle porifere è spesso vivacemente colorato: è detto pinacoderma ed è formato da cellule appiattite e strettamente appressate, dette pinacociti, che svolgono un ruolo di protezione e rivestimento.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sonia Bruganelli posta la foto della figlia malata e scrive: “Voi che vi ‘incarognite’ per l’aereo privato, chi non lo farebbe per lei, se potesse?”

next
Articolo Successivo

Federica Pellegrini: “La politica? Non sono diplomatica, quindi sarei perfetta. In futuro arriveranno proposte e deciderò”

next