I portici di Bologna sono stati iscritti nell’elenco di beni patrimonio dell’umanità (World heritage list) dell’Unesco, diventando il 58esimo sito italiano a ottenere questo riconoscimento. Lo ha deciso il Comitato per il patrimonio mondiale dell’agenzia culturale delle Nazioni Unite in corso a Fuzhou (Cina), e la notizia è stata annunciata dalla stessa agenzia attraverso un tweet. “Ancora una bella giornata per il patrimonio culturale nazionale”, commenta il ministro della Cultura Dario Francschini. “Con l’iscrizione dei portici di Bologna nella lista del patrimonio mondiale, dopo quella avvenuta sabato per Padova Urbs Picta e Montecatini città termale europea, sono tre i nuovi siti italiani riconosciuti dall’Unesco nel 2021. Si tratta di un risultato straordinario, frutto di una intensa e costante azione di diplomazia culturale e della stretta collaborazione tra Governo, enti locali e associazioni. Una bella notizia alla vigilia del G20 Cultura che l’Italia si appresta ad ospitare per la prima volta”.

Il Comitato di Fuzhou ha riconosciuto il “valore mondiale eccezionale del sito quale straordinario esempio di spazio privato ad uso pubblico, rappresentativo del sistema urbano di percorsi coperti che definisce l’identità urbana della città di Bologna, contribuendo al senso del luogo e alle dinamiche sociali. Attraverso una selezione delle più rappresentative aree cittadine porticate, con la candidatura si è inteso offrire una sintesi di questa particolarissima forma di spazio pubblico e privato aa un tempo che, a partire dall’obbligo per la sua costruzione definito dagli Statuti Comunali del 1288, nel corso dei secoli e fino ai giorni nostri si è sviluppato in numerose varianti ed esteso fino coprire 62 chilometri di portici”.

“Un’immensa soddisfazione e un grande riconoscimento che ci rende felici – commenta il sindaco del capoluogo emiliano Virginio Merola – è il raggiungimento di un obiettivo perseguito da tempo e il riconoscimento del grande lavoro di questi anni, portato avanti dalla vicesindaca Valentina Orioli e da tutta la struttura che ha dedicato a questa causa passione, competenza e capacità di relazione. Un grande ringraziamento al ministero della Cultura, al ministro Dario Franceschini e alla sottosegretaria Lucia Borgonzoni, al ministero degli Esteri e all’Ambasciatore d’Italia presso l’Unesco Massimo Riccardo. Questo titolo rappresenta un grande onore e una grande responsabilità per Bologna, ne saremo all’altezza”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

C’è vita anche dopo l’apnea: la piccola lezione di “Mimosa non è un fiore”, storia di cadute nel fango e di rinascite

next