Tommaso Zorzi è nuovamente nell’occhio del ciclone. Il motivo? Alcune sue dichiarazioni sulla vittoria della Nazionale italiana a Euro 2020. “Per quanto riguarda gli Europei, sì sono contento ma di base non me ne frega un caz*o“, ha dichiarato l’influencer su Instagram. Poi ha spiegato: “Una cosa ovviamente non esclude l’altra. Ma se mai dovessi scendere io in piazza a festeggiare qualcosa, scenderei in piazza a festeggiare la libertà e i diritti di tutti. Ma ribadisco che la vittoria di ieri sera, per la maggior parte degli italiani, è stata liberatoria e andava giustamente stra-festeggiata”.

L’ultimo vincitore del Grande Fratello Vip ha anche condiviso una frase che sta andando molto in voga in questi giorni: “Bello esultare per la vittoria degli Europei ma domani in senato si terrà la sfida per la civiltà sul Ddl Zan. E vogliamo poter festeggiare anche per i diritti di tutti”. Infine, in seguito ad una serie di insulti perlopiù omofobi, ha sottolineato: “È un mio diritto dire che non mi interessa il calcio. Ora.. Sicuramente la nazionale è orgoglio italiano, lo è sempre stata e lo è a maggior ragione quando vince. Ma se ci fosse questa coesione a livello nazionale anche per la lotta per alcuni diritti, come per il ddl Zan, credo che saremmo un Paese migliore: questo non toglie nulla al calcio e penso che sia un discorso semplice, lineare e condivisibile. Non capisco questo livore”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lusso e sfarzo galleggiante, a Capri arriva il mega yacht “Nord” da 142 metri. Di proprietà di un magnate russo, è costato decine di milioni di euro

next
Articolo Successivo

Arisa: “Se sei donna e ascolti la mia canzone, ti crescono le tet*e. Se sei uomo..”. Il video “hot”

next