Prima di essere portata alla Clinica Villa del Rosario di Roma, dov’è morta, Raffaella Carrà era stata ricoverata anche al Policlinico Gemelli. La conduttrice era malata di tumore ai polmoni, e non voleva vedere nessuno, tranne i familiari, gli assistenti e le persone a lei più care, come Sergio Japino. A seguirla nella terapia era stato il professor Paolo Marchetti, uno degli oncologi romani più apprezzati“, questo quanto si legge su Dagospia a proposito degli ultimi mesi dell’amatissima icona scomparsa, che ha molto sofferto.

E il professor Giacomo Mangiaracina dell’Università La Sapienza conferma, durante un intervento nella trasmissione “Genetica Oggi” su Radio Cusano Campus, che si è trattato di cancro ai polmoni: “La mamma di Raffaella è morta a 63 anni proprio di tumore al polmone quindi si tratta prima di tutto di una questione genetica”, ha detto il docente di Salute Pubblica, presidente dell’Agenzia Nazionale per la Prevenzione. Raffaella ha tenuto nascosta la sua malattia per non far soffrire i suoi tanti fan, le persone che la amavano.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Raffaella Carrà, centinaia di persone le rendono omaggio alla camera ardente: applausi e doni – Video

next
Articolo Successivo

Aka 7even e Tancredi, la calda estate delle star di “Amici di Maria De Filippi” in diretta con Claudia Rossi e Andrea Conti

next