L’arrivo delle schede nei browser web è stata una rivoluzione. Da allora i produttori di browser non hanno smesso di innovare e aggiungere nuove funzionalità relative alle schede e Google non ha fatto diversamente col proprio browser Chrome. Una delle più grandi modifiche alle schede negli ultimi tempi è stata la funzione di raggruppamento che consente di organizzare le schede. Ora il colosso di Mountain View sta lavorando a un’ulteriore evoluzione di quella soluzione. Nell’ultima build Canary del browser Web c’è infatti un’opzione che può essere aggiunta al menu Cronologia, in grado di rendere significativamente più facile ripristinare i gruppi di schede chiuse.

Abilitando una spunta nascosta è possibile fare in modo che Chrome elenchi i gruppi di schede chiuse dall’utente nel sottomenu Cronologia. Ciò renderebbe molto più facile e veloce ripristinare rapidamente diverse schede contemporaneamente.

L’impostazione opzionale è disponibile nelle versioni macOS, Windows e Linux di Chrome. Se avete installato Chrome Canary, assicuratevi di averlo aggiornato e di aver attivato l’opzione mostra sotto menù della cronologia dei menu dell’app, digitando nella barra indirizzi chrome://flags/#tab-restore-sub-menus, selezionando Abilitato e quindi riavviando Chrome.

Al momento, i gruppi di schede nella storia sono disponibili solo nella build Canary di Chrome, che, come sempre, non è garanzia della presenza di tale funzione nella versione finale, anche se è molto probabile. In ogni caso non ci sono ovviamente indicazioni su possibili finestre temporali per l’arrivo di questa funzione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Samsung Galaxy A31, dove trovare lo smartphone economico ai prezzi più vantaggiosi

next
Articolo Successivo

Huawei Watch 3, recensione. Smartwatch che dimostra tutte le potenzialità del sistema operativo HarmonyOS

next