Ancora un passo e anche i diciottenni potranno votare le elezioni al Senato. Questo pomeriggio, infatti, la Camera dei deputati ha approvato per la terza volta la riforma costituzionale con la quale abbassare da 25 a 18 l’età dei votanti per eleggere i senatori, esattamente come già avviene alla Camera. Con 405 voti a favore, 5 contrari e 6 astenuti, l’assemblea ha ratificato la terza e penultima lettura della riforma. Per l’approvazione definitiva bisognerà però attendere la quarta e ultima rilettura del Senato. Una volta in vigore la riforma costituzionale consentirà, come sottolinea il ministro per i rapporti col Parlamento, Federico D’Incà, “di far partecipare al voto circa 4 milioni di giovani che oggi sono esclusi dall’elezione di una delle due Camere rappresentative dei cittadini. La direzione intrapresa è quella di favorire la partecipazione delle nuove generazioni alla vita politica. Il voto di oggi testimonia anche un altro principio che ha guidato l’azione riformatrice degli esecutivi in questi ultimi anni: il metodo delle riforme puntuali, che ha già portato alla riduzione del numero dei parlamentari lo scorso settembre”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, accordo nel centrodestra. Salvini ci crede: “Squadra vincente per amore della città”. Ma su Milano ancora nessuna intesa: “Ci lavoriamo”

next
Articolo Successivo

Crema, il caso della sindaca indagata per il ferimento di un bimbo all’asilo evidenzia una criticità

next