Google, Apple e Microsoft hanno deciso di collaborare per migliorare la fruizione e l’ottimizzazione delle estensioni all’interno dei rispettivi browser web. Ovviamente si parla anche dei browser che usiamo sui nostri smartphone e il futuro sta proprio nel Mobile.

Ovviamente le aziende lavorano per trarre un profitto, ergo, non escono dagli accordi a mani vuote. Quindi la collaborazione tra loro va incontro alle loro stesse esigenze in modo tale da migliorare le tecnologie ed implementarne di nuove su Chrome, Safari ed Edge.

Di fatti, per il browser di Apple, si parla già da tempo di estensioni universali e questa collaborazione vuole andare proprio in questa direzione: universali significa installare le stesse estensioni tra i vari browser.

L’obiettivo comune è quello di mantenere dei browser molto simili riguardo questo aspetto, non perdendo però i loro connotati estetici per farli riconoscere a prima vista. Questa linea ha anche il pregio di aiutare sia gli sviluppatori che gli utenti: i primi sono facilitati nel tenere aggiornate le loro estensioni tra le varie piattaforme e i secondi possono usare le stesse estensioni tra un browser e l’altro.

Tutto ciò è stato discusso dalle aziende al World Wide Web Consortium e di tante altre novità se ne parlerà nella prossima edizione.

Inoltre Safari potrebbe ricevere tante novità che verranno annunciate al WWDC 2021 in programma a giugno. Microsoft e Google invece utilizzeranno canali differenti con loro keynote sparsi durante il corso dell’anno.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Huawei, ecco il render ufficiale del prossimo smartphone top gamma P50

next
Articolo Successivo

Huawei Band 4 Pro, ecco dove trovare il fitness tracker al miglior prezzo

next