Corsi e ricorsi. Anche per un’attrice memorabile come Jodie Foster, due Oscar tra i tantissimi premi e una laurea a Yale, che sarà l’ospite d’onore della cerimonia di apertura del 74esimo Festival di Cannes il 6 luglio. La regista, attrice e produttrice americana, 58 anni, riceverà anche la Palma d’oro onoraria alla carriera. Nel maggio 1976, a soli 13 anni, la talentuosa interprete salì le scale del Palais Croisette per la presentazione di Taxi Driver di Martin Scorsese, premiato con la Palma d’oro. Quarantacinque anni dopo torna ancora una volta per ricevere una Palma, questa volta per la sua carriera. Il riconoscimento a un curriculum cinematografico da leggenda arriva dopo quelli che Cannes ha riservato a Jeanne Moreau, Bernardo Bertolucci, Jane Fonda, Jean-Paul Belmondo, Manoel de Oliveira, Jean-Pierre Léaud, Agnès Varda e Alain Delon.

Un premio per la Foster che è il riconoscimento per “un brillante percorso artistico e una personalità unica con un impegno umile ma forte su alcuni dei grandi temi del nostro tempo”. La Foster ha recitato in circa 50 film e ne ha diretti quattro: due i premi dell’Academy per Sotto accusa (The Accused) nel 1989 e Il silenzio degli innocenti nel 1992. Leggendari i suoi duetti sullo schermo: con Robert de Niro, Anthony Hopkins, Mel Gibson, Denzel Washington. L’attrice è stata diretta da David Fincher, Robert Zemeckis, Spike Lee, Alan Parker e Claude Chabrol.

La Foster era già una star a 3 anni. Perché era la bimba di una famosa pubblicità per lo spot dei solari Coppertone. Dopo Taxi Driver nel 1988 arriva il primo Oscar, per il ruolo di una cameriera che subisce uno stupro di gruppo in Sotto accusa, mentre una seconda statuetta le viene consegnata nel 1991, per il ruolo dell’agente dell’Fbi Clarice Starling ne Il silenzio degli Innocenti con il mitico e recentemente ripremiato Hopkins. Al compimento dei 50 anni l’attrice dichiarò: ”Man mano che il tempo passa scelgo ruoli di persone più anziane, non voglio interpretare strani personaggi con il volto stravolto dal Botox”. Nel 2007, dopo aver dato alla luce due bambini (nel 1999 e nel 2002) senza rivelarne la paternità, la Foster, ricevendo il premio Women in Entertainment, ha parlato pubblicamente della sua omosessualità. Grande amica di Mel Gibson, l’attrice è stata vicina al controverso attore anche in questi ultimi anni, quando i comportamenti del protagonista di Braveheart lo hanno allontanato dall’ambiente cinematografico.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

The Mauritian e l’indelebile ferita ai diritti civili degli Usa post 11 settembre

next