Fininvest ha ceduto l’intera partecipazione detenuta in Mediobanca, ossia circa il 2% del capitale, per un controvalore di circa 174 milioni di euro. L’operazione, si legge in una nota, rientra in una logica di “razionalizzazione e di ribilanciamento del proprio portafoglio di investimenti finanziari”. La quota è stata acquistata da un unico operatore finanziario e si tratta di Unicredit. E’ quanto apprende l’Ansa da fonti di mercato. La società della famiglia Berlusconi era entrata nell’azionariato di Mediobanca nel 2007.

La domanda è se il gruppo di Piazza Gae Aulenti abbia già un compratore a cui girare il 2% di piazzetta Cuccia. Una delle strade ipotizzate porta al patron di Luxottica Leonardo Del Vecchio, che di Unicredit è socio e che di Mediobanca, dove è entrato in parallelo con l’uscita dal capitale della banca oggi guidata da Andrea Orcel , è già il primo azionista. Se ci sarà il via libera della Banca centrale europea, potrà salire al 20% di piazzetta Cuccia. Mediobanca significa anche Generali, il primo gruppo assicurativo italiano di cui la banca d’investimento è primo azionista con il 13%. Leonardo Del Vecchio è già azionista diretto della compagnia triestina con il 4,8%.

La quota di Fininvest era parte dell’accordo di consultazione che raggruppa il 12,6% della banca e che ha come unico vincolo per i partecipanti quello di non procedere in autonomia ad operazioni che facciano sorgere l’obbligo di Offerta pubblica di acquisto, vale a dire salire sopra il 30% dell’azionariato. Oltre a Del Vecchio e Fininvest altri azionisti di peso di Mediobanca sono oggi il gruppo Mediolanum (3,3%), la famiglia Benetton (2,1%), il gruppo francese di Vincent Bollorè (2,8%) e FinPriv che riunisce soci storici della banca come Pesenti e Pirelli (1,6%). Vincent Bollorè è peraltro anche azionista di maggioranza del gruppo Vivendi che ha da poco raggiunto una tregua con Mediaset dopo una battaglia per conquistare i canali di Berlusconi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Autostrade, aumenti di stipendio per amministratore delegato e manager in vista della cessione a Cassa depositi e prestiti

next
Articolo Successivo

Rcs, dopo la vittoria di Blackstone nel lodo Solferino ora Cairo rischia di dover risarcire il fondo (ma c’è l’ipotesi conciliazione)

next