Reinhold Messner si sposa per la terza volta. A maggio – annuncia la Tageszeitung – il 77enne e la sua compagna Diane Schumacher, 35 anni più giovane di lui, pronunceranno il fatidico sì. “È un evento che riguarda noi due e non il resto del mondo”, commenta il Re degli Ottomila al giornale. Le pubblicazioni sono state affisse al Comune di Castelbello-Ciardes. “Siamo molto felici, altrimenti non ci sposeremo”, aggiunge.

“L’idea del matrimonio nasce dal fatto che siamo innamorati, che desideriamo stare insieme, dal senso di responsabilità. E poi ero stufo di presentarla come la mia amica, compagna… Adesso sarà ‘mia moglie’“, spiega ancora l’alpinista al Corriere della Sera raccontando la loro storia. “In certi momenti penso al fatto che non potremo invecchiare insieme, il che ovviamente mi rattrista. Però questa certezza permette a entrambi di avere un rapporto stretto, intenso e rispettoso”.

Messner dal 1972 al 1977 era sposato con Uschi Demeter e nel 2009 – dopo 25 anni di convivenza e tre figli – sposò Sabine Stehle, dalla quale divorziò nel 2019. Come già avvenne nel 2009 la cerimonia si svolgerà in gran segreto in ambito familiare. All’epoca l’alpinista beffò la stampa e anticipò il matrimonio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

David di Donatello 2021, la diretta di FqMagazine: chi ha vinto, chi ha perso, chi ha polemizzato e chi si è ritirato dalla gara e della giuria

next
Articolo Successivo

Verissimo, Lea T contro l’ospitata di Giorgia Meloni: “Non mandate in onda la mia intervista, sistema miserabile”. Ma ecco come stanno le cose e quello che vedremo

next