A Domenica In, puntata del 9 maggio, è collegata Giovanna Botteri che a Mara Venier dice di non essersi ancora vaccinata: “Non ho ancora ricevuto neanche la prima dose perché sono tornata a Pechino all’inizio di aprile. Avrei potuto sottopormi al vaccino in Italia tra febbraio e marzo, ma in quel periodo le vaccinazioni erano appena partite e non me la sentivo di togliere dosi alle persone più anziane, che rischiano di morire se prendono il Covid”. Queste le parole dell’inviata Rai in Cina. A questo punto l’intervento dell’immunologo Francesco Le Foche, dell’Umberto I di Roma, che raccomanda alla giornalista di procedere quanto prima col vaccino: “Se fossi in lei lo farei, qualsiasi le possa capitare. L’Oms ha appena approvato anche il vaccino Sinopharm, può farlo in tutta tranquillità”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Domenica In, Pierpaolo Sileri: “Anch’io vorrei buttare la mascherina ma bisogna resistere. Luoghi di villeggiatura? Si lavora sul poter fare i richiami anche lì”

next
Articolo Successivo

Alberto Angela, il suo Ulisse sospeso? Parla il direttore di Rai 1 Coletta: ecco come stanno davvero le cose

next