Vendeva foto e video hard della figlia 15enne in cambio di denaro e buoni di Amazon. E’ l’accusa con cui è finita a processo una donna a Torino. Il dibattimento inizierà l’8 novembre 2022. Dovrà rispondere di prostituzione e pornografia minorile. Secondo la ricostruzione dell’inchiesta condotta dal pm Lisa Bergamasco i filmati risalgono al 2019: per la Procura, la ragazzina e il fidanzato di 17 anni erano consapevoli di essere registrati. In un secondo momento la madre ha convinto la figlia a iscriversi su piattaforme in cui mettere in vendita le immagini.
In altre occasioni la madre avrebbe partecipato alla diffusione in diretta di altre scene. Per questi filmati utenti avrebbero offerto oltre mille euro di buoni acquisti Amazon.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Piero Amara, millantato credito e traffico di influenze. Chiuse le indagini a Perugia per 30mila euro a ex funzionario Servizi

next