007 con licenza di postare foto su Instagram. Il servizio di sicurezza britannico MI5 diventa social nel tentativo di aumentare la propria trasparenza e sbarazzarsi degli “stereotipi sul consumo di Martini”. L’account da segnarsi è @mi5official e ospiterà foto con domande e risposte proposte dai funzionari dell’intelligence in servizio e promuoverà opportunità di carriera. La prima foto è online da qualche ora e sembra provenire da una capsula dell’astronave di 2001 Odissea nello Spazio. “Il successo per una buona spia? Considerare di osservare qualcosa in ogni angolo”, scrivono giocosamente dall’MI5.

È stato il capo attuale dell’MI5, Ken McCallum, a spiegare al Telegraph le ragioni di questa scelta pop: “Dobbiamo superare gli stereotipi sul consumo di Martini che possono persistere trasmettendo un po ‘di più di ciò che è effettivamente l’MI5 di oggi, in modo che le persone non si sentano escluse in base alle barriere socio-economiche percepite”, ha affermato McCallum. L’MI5 (Security service) a differenza del MI6 (Secret intelligence) è alle dirette dipendenze del primo ministro e del ministro dell’Interno e non al ministro degli Esteri come l’MI6. Ne La Talpa di John Le Carrè si possono capire ulteriori informazioni a riguardo, soprattutto delle lotte e delle invidie interne tra i due servizi.

Ad ogni modo il Military Intelligence, Sezione 5, è l’agenzia per la sicurezza e il controspionaggio del Regno Unito e si occupa della sicurezza interna del paese, mentre la sezione 6 è l’agenzia di spionaggio per l’estero del Regno Unito. E comunque tranquilli. L’MI5 sta facendo un’operazione di maquillage estetico e comunicativo senza però esagerare. Rivelerà materiale inedito tratto dai proprio archivi vecchi di 112 anni, mostrerà cosa vuol dire essere un agente runner o un ufficiale di sorveglianza, ma non si tratterà di far diventare Instagram, come ha spiegato McCallum, “un libro aperto”. L’MI5 è relativamente in ritardo rispetto alla presenza sui social media, ad esempio della CIA che veleggia sui 3 milioni e mezzo di follower. Mentre il capo dell’MI6 Richard Moore ha un suo attivo e seguito profilo Twitter, McCallum diventato capo dell’MI5 dall’ottobre 2020 chiosa: “Se voglio che una cosa caratterizzi il mio incarico è che l’MI5 si apra e raggiunga nuovi modi di comunicare. Molto di ciò che facciamo deve rimanere invisibile, ma ciò che siamo non deve esserlo. In effetti, l’apertura è la chiave del nostro successo futuro”.

Articolo Precedente

Oggi è un altro giorno, Orietta Berti: “Due giorni dopo la mia ultima ospitata qui mi è venuta la febbre a 39 e il Covid”

next
Articolo Successivo

John Travolta parla della morte della moglie Kelly Preston: “Ero saturo della tristezza di tutti”

next