Ogni tanto si riaffaccia la suggestione di rendere gratuiti i trasporti pubblici locali. Ovviamente la gratuità è riferita ai passeggeri, che non pagherebbero più né biglietti né abbonamenti: i trasporti costano, e verrebbero pagati dai contribuenti attraverso la fiscalità generale.

Non credo che ci possa essere una amministrazione comunale di grande città, o governo regionale o nazionale, che realmente si faccia – ulteriore – carico dei costi del trasporto pubblico locale (Tpl). Ma qualcosa della logica secondo la quale per l’ecologia e contro l’inquinamento sarebbe opportuna la gratuità per incentivare a non usare l’auto… ogni tanto sfocia in fatti. Per esempio, nell’Ile de France si rende gratuito l’uso del Tpl in giornate in cui si limita l’uso delle auto: gli argomenti dei sostenitori della gratuità sono di tipo sociale (la mobilità come diritto da garantire), ecologico (inquinare di meno) o ideologico (Tpl bene comune).

Quando negli ultimi anni mi sono imbattuto in questioni del genere ho sempre appoggiato l’idea che la priorità economica vada data, piuttosto, al rafforzamento e alla modernizzazione ecologica dei mezzi pubblici. Ovviamente tutti i fattori contano per chi può scegliere tra auto e Tpl, anche quello del prezzo di biglietti e abbonamenti. Ma il fattore principale è quello della comodità e velocità del trasporto. Questo vale anche se si pensa di “farsi perdonare” dagli automobilisti con una giornata di blocco del traffico privato: meglio spendere i soldi pubblici per mettere in strada più bus che per regalare il passaggio gratis.

Recentemente ho sentito proporre una forte “eco-tassazione” dell’uso dell’auto come possibile fonte di finanziamento della gratuità del trasporto pubblico. Ma ragionando e discutendo sono arrivato alla conclusione che il problema va oltre il realismo di queste proposte in termini economici: la mobilità motorizzata è comunque un problema, ha un impatto ambientale ed energetico anche se “collettiva” anziché “individuale”. Quando prendo un tram o un bus non sto rinunciando necessariamente a prendere l’auto, sto rinunciando ad andare a piedi o in bicicletta. Non credo che la mobilità motorizzata sia un diritto da soddisfare illimitatamente. E questo vale, varrebbe, anche se tutto il trasporto pubblico fosse elettrico e tutta l’elettricità fosse prodotta con le energie rinnovabili.

Il trasporto gratis è ancora una idea novecentesca. Personalmente, nel 900 ho organizzato battaglie studentesche per i trasporti gratis e da neo consigliere comunale a Milano ho esordito con una battaglia ostruzionistica contro l’aumento del prezzo del biglietto Atm (che è sempre stato sotto la media europea). Oggi non rifarei nessuna delle due battaglie. E’ giusto che si trovi un equilibrio tra costi del Tpl a carico dei contribuenti e costi a carico di chi effettivamente lo consuma, nella misura in cui lo consuma. E’ giusto anche articolare secondo criteri sociali il prezzo (già politico) degli abbonamenti. Ma “trasporto gratis” è una richiesta sbagliata in termini di principio: nelle città la priorità deve andare alla riduzione della mobilità motorizzata rivedendo anche la urbanistica e l’organizzazione sociale e dei servizi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giappone vuole riversare acque radioattive di Fukushima nell’oceano: Seul dice no e impugna la decisione

next
Articolo Successivo

Allevamenti, a Bruxelles parte la discussione sulla petizione per eliminare le gabbie per animali da fattoria in Europa

next