Tre anni di reclusione. Questa la pena richiesta dal sostituto procuratore generale di Firenze, Luigi Bocciolini, nella requisitoria del processo di appello bis per la morte di Martina Rossi, per gli imputati Alessandro Albertoni e Luca Vanneschi. La 20enne di Genova morì in vacanza precipitando dal balcone di una camera d’albergo a Palma di Maiorca (Spagna) il 3 agosto 2011. Per l’accusa cadde nel vuoto nel disperato tentativo di sfuggire a uno stupro. Stessa richiesta è stata avanzata dai legali dei genitori di Martina, parti civili. La prossima udienza è prevista per il 14 aprile con la parola alle difese. Sul procedimento incombe la prescrizione, che scatterà ad agosto come spiegato dall’avvocato Stefano Savi, legale della famiglia.

In primo grado il tribunale di Arezzo aveva condannato Albertoni e Vanneschi a 6 anni di reclusione per tentata violenza sessuale e morte in conseguenza di altro reato che è stato prescritto. In appello, il 9 giugno 2020, Albertoni e Vanneschi sono stati assolti. A gennaio la Cassazione, accogliendo il ricorso presentato dalla procura generale di Firenze, ha annullato la sentenza disponendo un nuovo appello. Per la Suprema Corte i giudici dell’appello avrebbero commesso, tra l’altro, un “macroscopico errore visivo” nell’individuazione del punto di caduta. Un errore che avrebbe indotto la corte a credere che Martina avesse scavalcato il parapetto dal centro del balcone, forse con l’intento di togliersi la vita. In base alla tesi sostenuta dall’accusa invece, la giovane avrebbe scavalcato da un lato del terrazzo, nel tentativo di saltare nel balcone della camera accanto dove cercava rifugio per sfuggire alla violenza sessuale.

Per il padre di Martina, Bruno Rossi, il nuovo processo aperto oggi a Firenze è una possibilità di fare giustizia. “Spero – ha detto entrando nella in aula con la moglie, Franca Murialdo – che questo nuovo appello confermi la condanna di primo grado“. Oggi in aula i legali degli imputati hanno chiesto la riapertura dell’istruttoria, richiesta su cui la corte deciderà successivamente. Inoltre Albertoni e Vanneschi hanno presentato istanza di ricusazione del presidente della corte Alessandro Nencini, contestando tra l’altro alcune dichiarazioni rese alla stampa nelle quali affermava che il processo non sarebbe morto a Firenze per la prescrizione. La sentenza potrebbe arrivare già il 14 aprile, o al più tardi il 28 aprile. Successivamente potrebbe esserci un nuovo appello in Cassazione.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Livorno, la procura sequestra una cassetta di sicurezza con 4 Rolex e 300mila euro in contanti al tesoriere del Pd di San Vincenzo

next
Articolo Successivo

No Tav, l’appello di Elio Germano per la portavoce del movimento Dana Lauriola: “In carcere da sei mesi per un reato di opinione”

next