Pronipote di Guccio Gucci, il fondatore della nota casa di moda, Drusilla Gucci non poteva che fare parte del gruppo dei naufraghi dell’Isola dei Famosi soprannominati “I Rafinados”. Dopo il racconto in diretta della collezione di ossa di animali che ha in casa, la concorrente ha raccontato “dell’incontro” con alcune strane presenze nella propria abitazione. “Una volta ero a dormire nel mio letto e ho sentito qualcuno che mi ha chiamata ‘Drusilla’, ho aperto gli occhi e sbam: un ceffone, l’ho proprio sentito“, ha raccontato ai compagni. “Ma non ho avuto paura. Una strana sensazione… Come se tutto fosse sospeso”.

Drusilla ha poi descritto la propria casa come enorme e un po’ lugubre: “È la mia cripta, mi piace tanto e mi manca molto. Abbiamo un sacco di candele perché a volte manca la luce”, ha aggiunto la naufraga. Poi ancora: “Ero nella vasca da bagno, ho iniziato a sentire un respiro all’orecchio, ma la cosa strana è la sensazione che mi prende in questi momenti, di una calma assoluta, un’immobilità, che poi mi passa…”. A questi episodi, riportati da Novella 2000, se ne aggiunge un altro altrettanto inquietante. La naufraga ha infatti raccontato che una sua amica sensitiva si è imbattuta in una di queste presenze: “Appena entrata in bagno c’è rimasta cinque secondi e poi è subito uscita con una faccia bianchissima e ci ha chiesto se avessimo un altro bagno. Noi le abbiamo chiesto se era rotto e lei ci ha risposto che in quel bagno si era impiccato un uomo e lei lo aveva visto”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Un posto al Sole, parla Maurizio Aiello: “Non ci sono positivi sul set, è una fake news”

next
Articolo Successivo

Radicali liberi, come contrastare lo stress ossidativo che fa invecchiare e ammalare: le regole da seguire

next