E mentre gli utenti Android continuano a rimanere esclusi dalla piattaforma ClubHouse (che sarà disponibile per loro da fine primavera/inizio estate), la concorrenza non sta certo a guardare. Telegram, per esempio, ha lanciato le “Voice Chats 2.0”, ovvero delle chat vocali che tanto ricordano quelle della piattaforma nata nella Silicon Valley. Qui, a differenza di ClubHouse, gli utenti possono pure decidere di rimanere anonimi. Al momento questa funzione è disponibile soltanto su Android, ma arriverà presto anche sui dispositivi iOs.

Ha fatto lo stesso pure Twitter. La funzione si chiama “Spaces”, ed è una chatroom vocale. Niente di troppo diverso dalla concorrenza, insomma. Neppure Mark Zuckerberg sta con le mani in mano. Su Instagram hanno debuttato le dirette a quattro, mentre su Facebook sembra che stiano per arrivare le “Social Audio Room”, ovvero una funzione di sale riunioni audio che consentirebbe agli utenti di creare trasmissioni audio a cui gli utenti possono partecipare come “spettatori”. ClubHouse riuscirà a non farsi schiacciare?

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

“Tagliati 90 minuti di attacchi alla Casa Reale dall’intervista di Harry e Meghan. Una ‘bomba’ pronta a esplodere”

next
Articolo Successivo

Una “banca del seme” da mandare sulla Luna per proteggere la vita sulla Terra: lo studio

next