E’ la Cina a lanciare il primo “passaporto vaccinale“, con un programma appena attivato per consentire ai cittadini cinesi di viaggiare. Si tratta di un certificato digitale che mostra lo status vaccinale del soggetto con i risultati dei test e vi si può accedere attraverso la piattaforma social WeChat. Lo scopo del certificato è di “aiutare a promuovere la ripresa economica mondiale e facilitare i viaggi oltrefrontiera“, ha riferito un portavoce del ministero degli Esteri cinese. Al momento però tale “passaporto” – che può essere anche cartaceo – è solo disponibile per i cittadini cinesi e non è obbligatorio.

Stati Uniti e Gran Bretagna stanno pensando a una forma analoga di passaporto vaccinale mentre l’Unione europea sta lavorando a un “green pass” per permettere ai propri cittadini che siano stati vaccinati di muoversi liberamente all’interno ed all’esterno dei confini europei.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pneumatici in fiamme e strade bloccate: in Libano proteste contro la crisi della moneta – Video

next
Articolo Successivo

“Se diventa legge torniamo indietro di 200 anni”: così l’Egitto vuole degradare i diritti delle donne

next