Anche per la Società del Quartetto di Milano è tempo di streaming: per un mese sul canale YouTube della storica Società milanese, fondata nel 1864 da Arrigo Boito e Tito Ricordi, sarà disponibile il concerto del Quartetto di Cremona trasmesso in streaming domenica scorsa. I quattro virtuosi dell’arco, reduci dai festeggiamenti per i loro 20 anni di carriera, sul palco della Sala Verdi del Conservatorio di Milano, ancora chiusa al pubblico, hanno suonato per un eccezionale omaggio al genio di Bach.

Oltre alla monumentale Arte della fuga, nella trascrizione per quartetto d’archi, eseguiranno in prima esecuzione assoluta l’inedito Quartetto n. 6 Lettera a Johann Sebastian Bach di Fabio Vacchi, compositore che da diversi anni collabora col Cremona. “Ho concluso il mio Sesto Quartetto, intitolato Lettera a J. S. Bach, il primo aprile 2020 – afferma Vacchi – quindi durante una delle congiunture più tragiche della storia umana. Questa nuova commissione mi ha regalato ancora una volta la straordinaria opportunità di confrontarmi con l’astrattezza e l’autonomia della forma più alta che esista, al vertice della musica occidentale: il quartetto per archi”.

Il concerto fa parte del Festival “Silenzio in sala a tempo di musica” promosso dal Comitato Amur, una rete che comprende 14 istituzioni musicali italiane. Per questo è stato trasmesso anche sul sito www.comitatoamur.it dove rimarrà visibile gratuitamente per un mese.

Programma
Fabio Vacchi | Quartetto per archi n. 6 “Lettera a Johann Sebastian Bach”
Prima esecuzione assoluta. Commissione della Società del Quartetto di Milano e del Quartetto di Cremona con la partecipazione di Musica Insieme Bologna, Associazione Scarlatti di Napoli, Società del Quartetto di Vicenza e Teatro Comunale di Monfalcone.
Johann Sebastian Bach | L’arte della fuga BWV 1080
Info | www.quartettomilano.it

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Il teatro è adesso”, un progetto per raccontare la crisi delle compagnie a un anno dallo stop per Covid: “Così proviamo a rompere il silenzio”

next