Belen Rodriguez, ospite di Silvia Toffanin a Verissimo, ha raccontato quello che per settimane è stato un gossip. La sua gravidanza. La seconda, perché la prima volta che è rimasta incinta del fidanzato Antonino Spinalbese ha perso il bambino: “Io aspetto una femmina, si chiamerà Luna Marie. Sono rimasta incinta per sbaglio. Quando lo scoprimmo, eravamo disperati perché era troppo presto. Poi ci abbiamo pensato ed eravamo felici. Ma dopo quattro giorni l’ho perso e siamo stati malissimo. Il mese dopo è arrivata lei. Avevo smesso di crederci e non era da me. Adesso ci credo da impazzire per sempre“. Parole emozionanti, tanto che Silvia Toffanin non ha trattenuto la commozione. Ma la showgirl pensa al matrimonio? “Antonino è figlio di genitori separati, poi il papà è venuto a mancare. Quindi lui ha fatto da padre alle sorelle. Ha un bel rapporto da amico con Santiago, ma non si permetterebbe mai di intralciare il rapporto con il padre Stefano. Antonino mi sposa ogni giorno. Ogni tanto mi chiede ‘Mi vuoi sposare?’. Vorrei fare una grande festa, ma non so se mi piacerebbe rimettere una firma“. Un amore solido, quello che descritto da Belen e vissuto insieme al nuovo compagno, anche perché, ha spiegato, a una certa età ci si stufa dei bad boys e “ti rendi conto, che quei comportamenti non ti rendono appagata. Antonino è un uomo di altri tempi, sono di un felice. Mi rende felice da quando mi sveglio a quando vado a dormire“. Belen ha già un figlio, Santiago, avuto da Stefano De Marino.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il dramma di Maria Teresa Ruta: “Per anni non sono riuscita a farmi sfiorare. Ho subito uno stupro”

next
Articolo Successivo

Roberto Burioni: “Mia mamma di 91 anni si è vaccinata. Effetti collaterali? Nessuno”. Poi fa una battuta

next