Può dirsi laico uno Stato che riserva trattamenti diversi ai consociati sulla base di criteri etico-morali e di un atteggiamento giudicante nei confronti delle scelte di vita delle persone? La domanda sorge in relazione a numerose situazioni venutesi a creare durante le diverse fasi della pandemia in corso, ma ci riferiamo nello specifico al sostegno negato alle lavoratrici e ai lavoratori del sesso che, come raccontano le cronache, si son trovati nel bel mezzo della tempesta a non poter svolgere il proprio lavoro per evidenti motivi di ordine sanitario e a non essere destinatari di alcuno strumento di sostegno al reddito.

Il risultato è stato che quelle persone si son trovate ad accrescere le file davanti alle istituzioni che si occupano di assistenza alle persone indigenti. La domanda sull’utilizzo di criteri di tipo etico-morale si pone in quanto la legge Merlin rese perseguibili i reati di sfruttamento e favoreggiamento, ma non il lavoro sessuale in sé. Da un lato dunque l’attività non è di per sé illegale, ma questo stato di cose confina le lavoratrici e i lavoratori del sesso in un’area grigia che, oltre a creare enormi rischi per la loro incolumità derivanti dall’operare in un contesto di illegalità, non consente l’emersione del lavoro e dei redditi che ne derivano.

Ma tutto questo non dovrebbe incidere sull’esclusione dai programmi di assistenza del momento emergenziale. A nulla sono valse le richieste avanzate da numerose associazioni che operano nel settore, a partire dallo “storico” Comitato per i diritti civili delle Prostitute, affinché si consentisse a queste persone di fruire dei normali diritti di cittadinanza: queste rivendicazioni son cadute nel nulla e non è ravvisabile altro motivo che non sia quello di un giudizio etico-morale sulle scelte delle persone.

Ci si è accodati ai sostenitori del modello abolizionista già adottato da alcuni paesi del nord-Europa: secondo costoro quella dei e delle sex-worker non è mai una scelta libera ma nella migliore delle ipotesi indotta da uno stato di necessità: un po’ come dire “tu non ti sai autodeterminare e quindi intervengo io per salvarti anche da te stesso o da te stessa”: che sia di derivazione cattolica o religiosa, in generale l’idea di salvare qualcuno da decisioni libere ma considerate “scellerate” nasce da presupposti etici e sappiamo bene che uno stato che si pone in maniera etica e giudicante, ergendosi a tutore della morale, si colloca su un piano inclinato la cui deriva non è prevedibile.

La materia dovrebbe essere invece affrontata in un’ottica di piena laicità secondo le richieste e le istanze di chi quel lavoro lo pratica autodeterminandosi, e rifuggendo dagli atteggiamenti moralistici e sovradeterminanti di chi propugna il modello abolizionista: confondere – con disonestà intellettuale e inquinando così il dibattito – il lavoro sessuale volontario con la tratta impedisce da un lato – e come sempre accade con i proibizionismi – un’efficace lotta contro la tratta di esseri umani e, dall’altra, le libere scelte sul proprio corpo.

Da anni l’associazionismo chiede la decriminalizzazione del lavoro sessuale a partire dalla cancellazione del reato di favoreggiamento: se infatti la legge Merlin (ancorché datatissima e ormai incapace di fotografare la realtà) ha il merito di aver sottratto le donne – e solo di donne all’epoca si trattava – allo sfruttamento, mantenere il reato di favoreggiamento di fatto costringe i e le sex worker ad operare nell’illegalità (con i conseguenti rischi e ricatti) nel momento in cui non consente – pena l’accusa di favoreggiamento della prostituzione per il locatore – nemmeno la locazione di un appartamento nel quale svolgere in sicurezza l’attività.

Le ultime situazioni di esclusione dai provvedimenti di sostegno nascono sicuramente da quel tipo di impostazione e – se è complicato affrontare in tempi rapidi la questione della decriminalizzazione – sarebbe utile, in tempi così bui, mitigarne almeno le conseguenze. Ma nulla si è fatto né nel senso di programmi di sostegno alle persone fragili in generale (e cioè tutti i lavoratori e le lavoratrici che – per i motivi più diversi – svolgono attività in nero) né finanziando il potenziamento delle unità di strada che si occupano di prima assistenza.

E così si è finito per accrescere l’esercito delle persone in fila davanti alle mense e agli alberghi dei poveri. Non è quel che sarebbe legittimo attendersi da uno Stato laico.

A parole nostre - Sogni, pregiudizi, ambizioni, stereotipi, eccellenze: l'universo raccontato dal punto di vista delle donne. Non solo per le donne.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Aggressione omofoba a Trieste, l’attivista picchiato: “La violenza deve finire, episodi del genere sono intollerabili” – Video

next
Articolo Successivo

Uno Stato evoluto e democratico tutela il diritto all’aborto. E parlo dell’Italia, non della Polonia

next