In una serata piovosa nell’East London, dozzine di giovani si mettono in fila fuori da un angusto centro della comunità per raccogliere riso, verdure e altri generi alimentari essenziali. Gli studenti stranieri che sono venuti in Gran Bretagna per perseguire i loro sogni si sono trovati immersi nella povertà causata dalla pandemia. The food bank, che distribuisce cibo tre sere a settimana, è diventata un’ancora di salvezza.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Argentina, uso personale di vaccini Covid per fare immunizzare gli alleati politici: si dimette Ministro delle salute

next
Articolo Successivo

Vaccini, il piano per i paesi poveri in ritardo e con pochi soldi rischia di vanificare la lotta al virus. Italia tra i paesi più avari

next