Bugo è furioso. Il cantante ha affidato a Twitter la sua rabbia per la gestione dell’emergenza Covid sul fronte dei lavoratori dello spettacolo, lasciandosi andare ad un duro sfogo. “Troppo comodo fregarsene dei lavoratori dello spettacolo – è tuonato Cristian Bugatti – e poi andarsene in giro con le cuffie a sentire musica. In questi tempi di Covid io sospenderei tutti gli account dei politici su Spotify, iTunes e tutte piattaforme digitali. Adesso non meritate la nostra musica“. Poche righe ma con un attacco diretto nei confronti del mondo politico che arriva proprio nei giorni in cui il nuovo presidente del Consiglio Mario Draghi è alle camere per la fiducia. E anche a pochi giorni dall’inizio del Festival di Sanremo, dove è in gara con la canzone “E invece sì”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bill Gates: “Ecco perché dovremmo mangiare solo carne sintetica”

next
Articolo Successivo

“Quanti soldi ha perso Flavio Briatore con la pizza a Londra”

next