C’era una volta il Mes. Quello richiesto a gran voce e in più occasioni da Matteo Renzi fin quando c’era Conte come presidente del Consiglio. E oggi che il Mes sanitario è il grande assente dal discorso di Mario Draghi va bene lo stesso? “Lasciamo che il presidente del Consiglio faccia le sue valutazioni. Oggi è una grande giornata per l’Italia“, afferma il leader di Italia viva, intercettato fuori da Palazzo Madama. “Il presidente del Consiglio ha fatto un discorso molto bello, di grande visione e quindi penso che tutti gli italiani a favore e contrari alla fiducia, possono essere felici per un passo in avanti”. Sull’intergruppo Pd-M5s-Leu, una decisione che “non condivido ma che va rispettata, auguri e buon lavoro – e aggiunge – credo che questa scelta di fare l’intergruppo a sinistra aprirà molti spazi molto interessanti per chi invece si definisce riformista“. Renzi afferma inoltre di non essersi sentito con Matteo Salvini e sul tema della prescrizione non affonda il colpo e non risponde. Come pure su Domenico Arcuri, altro bersaglio polemico di Renzi fino alla caduta di Conte: “Lasciate fare al presidente del Consiglio”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Recovery, Draghi: “Governance incardinata al Mef con collaborazione dei ministeri competenti. Il Parlamento verrà costantemente informato”

next
Articolo Successivo

Comunali Roma, Virginia Raggi chiede di far votare la sua candidatura su Rousseau: “Basta ambiguità, si dia voce alla base M5s”

next