Lutto nel mondo della musica: è morto Chick Corea, virtuoso pianista che ha rivoluzionato il jazz accanto ad altre leggende. A darne notizia è la sua pagina Facebook: Corea è deceduto martedì all’età di 79 anni, per una rara forma di cancro scoperta solo di recente. Sulla scena dall’inizio degli anni Sessanta, Corea è diventato uno dei più grandi pianisti del ‘900, lavorando tra gli altri con Stan Getz, Herbie Mann, Miles Davis, Herbie Hancock, Gary Burton, Bobby McFerrin e altri. Le sue produzioni jazz fusion hanno segnato il mondo della musica: nel corso della sua lunga e prolifica carriera ha vinto 23 Grammy Awards.

“Per tutta la sua vita e la sua carriera, Chick ha apprezzato la libertà e il divertimento di creare qualcosa di nuovo e di giocare come solo gli artisti sanno fare. Era un amato marito, padre e nonno, e un grande mentore e amico per tanti. Attraverso il suo lavoro e i decenni trascorsi in giro per il mondo, ha toccato e ispirato la vita di milioni di persone”, si legge nel post sul profilo Facebook che riporta anche un suo ultimo messaggio d’addio.

“Voglio ringraziare tutti coloro che, lungo il mio viaggio, hanno contribuito a mantenere vivo il fuoco della musica. Mi auguro che coloro che hanno la vaga idea di suonare, scrivere, esibirsi o altro lo facciano. Se non per te, allora per il resto di noi. Non è solo che il mondo ha bisogno di più artisti, è anche molto divertente”, prosegue il post. “E ai miei fantastici amici musicisti che sono stati come una famiglia per me da quando li conosco: è stata una benedizione e un onore imparare da voi e suonare con tutti voi. La mia missione è sempre stata quella di portare la gioia ovunque potessi, e averlo fatto con tutti gli artisti che ammiro così tanto questa è stata la ricchezza della mia vita“.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

I maiali sono in grado di giocare ai videogiochi: la scoperta

next