Wall Street accoglie il nuovo presidente Joe Biden con un nuovo record storico, quello del listino Nasdaq che supera i 13.467 punti, con un rialzo nell’ultimo anno di oltre il 43%. L’indice è spinto anche dal boom di uno dei suoi “gioielli”, ossia Netflix che dopo aver comunicato risultati migliori delle attese e un incremento degli abbonati favorito anche dai lockdown vede il suo titolo volare del 17%. Ma in generale è tutta la borsa statunitense ad essere ben intonata. Le trimestrali dei big sono state sinora incoraggiante, oggi la banca d’affari Morgan Stanley ha comunicato un aumento degli utili del 22% nel 2020 a 10 miliardi di dollari. I mercati sono soprattutto sedotti dal nuovo maxi piano di stimoli all’economia da 1.900 miliardi di dollari annunciato da Biden.

Nelle 11 settimane trascorse tra le elezioni del 3 novembre e ieri, l’indice S&P 500, il più rappresentativo di Wall Street, è salito del 12,76%. Un rally che colloca il neo presidente Biden al secondo posto nella classifica dei nuovi presidente e delle performance sui mercati, dopo il repubblicano Herbert Hoover, eletto nel 1928 e che ha portato ad un rialzo del 13,29% tra il giorno delle elezioni e quello del suo insediamento alla Casa Bianca. E’ giusto tuttavia dare a Trump quel che è di Trump, durante i 4 anni della sua presidenza lo stesso indice ha registrato un progresso di oltre il 50%. Un risultato che Trump non ha mancato di rimarcare nel suo discorso di congedo di questa mattina. Va però detto che quello attuale è un periodo piuttosto particolare per i mercati statunitensi e per quelli di tutto il mondo, sostenuti dalle vigorose ed ultra espansive politiche monetarie delle banche centrali.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gualtieri: “Varati aiuti per 108 miliardi di cui 48 per le imprese. Ora intervento perequativo che guarderà a perdite dell’intero 2020”

next
Articolo Successivo

Inviata al Parlamento la lista dei commissari per le 59 opere da velocizzare: sono dirigenti di Anas, Rfi e ministero delle Infrastrutture

next