Una manciata di secondi che le ha salvato la vita. Un’anziana donna si è salvata evitando per pochi istanti lo schianto di un cigno gigante contro la finestra del suo bagno, che ha fatto letteralmente esplodere il vetro lanciando le schegge in tutta la stanza. È quanto successo nel villaggio di di Barton-in-Fabis nel Nottinghamshire, in Inghilterra, come riferisce l’Independent: la signora era appena uscita dal bagno quando ha sentito il boato. Subito è corsa nella stanza e ha visto l’animale riverso a terra, quindi ha chiamato la polizia e gli esperti del centro veterinario RSPCA.

Giunti sul posto, anche i veterinari hanno detto di non aver mai visto una scena simile, con un cigno schiantato contro una finestra chiusa. “Se la donna fosse stata ancora lì quando il cigno si è schiantato contro la finestra, i vetri esplosi le avrebbero causato gravi lesioni, o anche peggio, avrebbero potuto ucciderla. Penso che il cigno stesse volando verso il fiume Trent e debba aver valutato male la direzione. C’era anche molto vento, il che potrebbe averlo portato fuori rotta. Sono un ispettore RSPCA da 40 anni e non ho mai visto un cigno schiantarsi contro una finestra“.

L’animale stordito e insanguinato ma fortunatamente vivo è stato portato da un veterinario dove ha trascorso più di un’ora in chirurgia prima di essere trasferito allo Stapeley Grange Wildlife Center della RSPCA nel Cheshire, dove continuerà a essere curato per le sue ferite.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tortine a forma di pene per una festa di compleanno: pasticciera arrestata

next
Articolo Successivo

Donald Trump non molla Gloria

next