Disseppellisce il suo gatto Lucifero dalla tomba poi se lo cucina. Almeno questo è quello che sembra essere accaduto in un video pubblicato dalla rapper Azealia Banks. La 29enne artista originaria di Harlem, New York, ha infatti mostrato sul suo profilo Instagram un video che ha lasciato inorriditi parecchi suoi fan e non solo. Nel breve video, che è stato poi rimosso dal profilo della Banks ma scaricato da diverse testate anglosassoni e visibile online, si vede la mano presumibilmente dell’artista estrarre un sacco bianco da sottoterra.

Poi con un rapido stacco si arriva all’inquadratura del pentolone, modello strega delle fiabe, da dove sembra emergere tra le bolle una specie di osso. La voce fuori campo della ragazza che saluta e benedice il suo gatto morto tempo fa e ora, a quanto pare, disseppellito, fa il resto. La Banks è piuttosto attiva e litigiosa sui suoi canali social, soprattutto per quel che riguarda le questioni razziali, e oltretutto non è nuova a provocazioni più o meno macabre come quella del presunto micetto disseppellito cotto in pentola. Nel 2015, quando aveva 24 anni, in seguito al suo arresto dopo una rissa, aveva dimostrato doti alla Mike Tyson mordendo il seno ad una donna della security che stava cercando di sedare la zuffa con Azealia protagonista.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Madalina Ghenea confessa: “È stato il mio manager. ecco come sono andate davvero le cose con Nicolò Zaniolo”

next
Articolo Successivo

TikTok, i profili dei minori di 16 anni diventano privati in automatico (ma non solo): ecco tutte le novità

next