di Antonio Marino

C’è solo un modo, a mio parere, per Giuseppe Conte per mettere fine a questa farsa inscenata dal senatore di Rignano: andare in Parlamento. So che, in tempi di Covid e con sfide eccezionali da affrontare (vaccini e Recovery) sembra un azzardo, ma è il solo modo per liberarsi di una zavorra che rischia di impantanare l’azione dell’esecutivo.

Esattamente come Matteo Salvini nell’agosto 2019, Matteo Renzi piccona quotidianamente il Governo dimenticando di fare parte della stessa maggioranza che lo sostiene e minacciando un giorno sì e l’altro pure di ritirare le sue due ministre e il suo sottosegretario dalla compagine di Governo (e come Salvini, puntualmente non lo fa mai).

A differenza del 2019, dove era chiaro il fine di Salvini (andare ad elezioni e capitalizzare il consenso), ora non si capisce bene cosa vogliano Renzi e Boschi dal Governo (forse poltrone?). Tanto più che nella bozza di Recovery Plan di Italia Viva c’è mezza pagina di proposte, che tra l’altro nulla c’entrano con i fondi europei (prescrizione, ponte sullo stretto, reddito di cittadinanza).

Nei propositi del senatore di Rignano Conte verrebbe sfiduciato e subentrerebbe un governo di unità nazionale (un modo elegante per definire il vecchio inciucio), suo sogno mai nascosto, con a capo forse Mario Draghi (a sua insaputa) e magari con possibilità maggiori di mettere le mani sui soldi che arriveranno dall’Ue. Ebbene, se così fosse, è tanto sicuro che anche senza Italia Viva Conte non avrebbe i numeri in Parlamento?

Credo che Renzi farebbe bene a guardarsi in casa perché alcuni dei suoi non lo seguirebbero in questo piano suicida; se è così certo di poter affossare Conte perché non presenta col suo gruppo una mozione di sfiducia al Governo in Parlamento? Evidentemente sta giocando d’azzardo.

Conte prenda esempio dal se stesso di due anni fa: vada in Parlamento e lo inchiodi alle sue responsabilità. Metta a nudo quegli illusori interessi di parte che lo muovono e di cui ben ha parlato Sergio Mattarella nel discorso di fine anno. Smascheri l’esibizionismo e le sue aspirazioni velleitarie. Evidenzi la “scarsa cultura delle regole” (la stessa che rinfacciò a Salvini due anni fa) di chi ritiene di avere il controllo del Parlamento, proponendo governi alternativi basati su maggioranze inesistenti ed escludendo, non si sa su che basi, le elezioni, considerato che nella legislatura sono state sondate tutte le vie possibili.

Dimostri quel coraggio che rinfacciò a Salvini, sebbene la situazione oggi sia molto più drammatica di due anni fa. Non abbia paura dei numeri, li troverà: molti non andrebbero volentieri ad elezioni col rischio di perdere il seggio e rigetterebbero l’idea di una crisi di governo al buio, soprattutto in un momento così delicato. Del resto, la logica del sistema proporzionale è valutare in Parlamento quali maggioranze esistono, dal momento che nessun partito ha la maggioranza assoluta.

Certo, nella sua versione nobile, la maggioranza parlamentare dovrebbe formarsi dopo le elezioni sulla base dell’affinità di idee e proposte, mentre quasi sempre il processo è stato guidato da logiche spartitorie. In questo caso, si intende, i “responsabili” nulla devono avere in più che la garanzia di non perdere lo scranno. Il rischio c’è, ma il beneficio sarebbe sbarazzarsi di un alleato che non è mai stato tale: il gioco vale la candela.

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’abbonamento Sostenitore e diventando membri del Fatto social club. Tra i post inviati Peter Gomez e la redazione selezioneranno quelli ritenuti più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Se vuoi partecipare sottoscrivi un abbonamento volontario. Potrai così anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione, mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee, sceglierai le inchieste che verranno realizzate dai nostri giornalisti e avrai accesso all’intero archivio cartaceo.
Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

La Sardegna può continuare a spopolarsi e deindustrializzarsi. A quanto pare poco importa

next
Articolo Successivo

Sfiducia a Gallera, Salvini: “Nella giunta lombarda persone che erano al governo. Giorgetti? Non faccio nomi”

next