È morto a Milano, a 90 anni, il poeta Franco Loi. Nato a Genova nel 1930, si era trasferito a Milano giovanissimo, dove aveva iniziato a produrre le sue poesie in dialetto milanese, tra l’epica popolare e l’intimismo lirico. Oltre che essere considerato uno dei maggiori poeti del Dopoguerra, Loi era anche critico letterario. In un’intervista a Tempi, all’età di 81 anni, dichiarò: “Scrivo perché mi è necessario e lo scrivere apre dentro una strada che diventa profonda e consapevole. Scrivere poesie mi fa più cosciente di me stesso. Fa risorgere qualcosa di dimenticato”. Dopo la notizia della sua morte, il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, in un post scrive: “Apprendiamo con tristezza la notizia della sua scomparsa. Milano ricorderà la sua straordinaria lirica colma di realismo, capace di mescolare diversi elementi e influenze”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Il rapporto padre-figlio è sempre complesso. Lo sapeva bene pure Tiziano Terzani

next
Articolo Successivo

Perdere la testa per la lirica, dove la realtà diventa “più reale”. Perché l’opera è il luogo ideale dopo i lockdown (anche per chi non la conosce)

next