Neanche il Covid ferma Rocco Siffredi. Il celebre pornoattore ha contratto il virus insieme alla moglie Rosza e ai figli in Ungheria e ora ha rivelato in diretta Instagram con Le Iene di aver fatto sesso anche durante la malattia, senza nascondere di aver avuto qualche difficoltà. “Non ho mai smesso di fare sesso: io ero positivo, anche mia moglie lo era e quindi non abbiamo mai rinunciato al piacere. Ho usato qualche senso in meno lasciando molto all’immaginazione. Ho dovuto immaginare tante cose a causa del Covid infatti non sentivo gli odori. Anche dopo che ero guarito ho avuto tante difficoltà…“, ha raccontato.

“Ci sono voluti 40 giorni prima di tornare negativo! Ho avuto febbre, nausea, mal di testa, poco olfatto e il gusto? Tutto sapeva di calce – ha spiegato ancora Rocco Siffredi -. Ora lentamente sta tornando tutto normale. Puoi essere figo ricco o forte, ma se ti becca ti fa male”. Per il momento, però, Rocco non ha intenzione di vaccinarsi: “Aspetterò! Io ho avuto per 40 giorni il Covid quindi preferisco aspettare”.

Infine, un pensiero per il nuovo anno ormai alle porte: “Il 2021 sarà un anno di rinascita. Ora sia uomini che donne si ritrovano come in letargo, ma attenzione perché quando finisce tutta questa storia scoppia la bomba atomica del sesso. Ci saranno orge gigantesche e io dovrò organizzare party infiniti e finalmente potremo dire Vaffa virus, welcome back life!”.

Memoriale Coronavirus

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vasco Rossi, è suo il primo brano dell’anno: “Una canzone d’amore buttata via”. Ecco qualche anticipazione

next
Articolo Successivo

Fedez e il suo 2020 “Magnifico”: dalla raccolta fondi per il Covid e per i lavoratori dello spettacolo alla gravidanza di Chiara Ferragni

next