Da oggi, su Netflix, è disponibile Sanpa: luci e tenebre di San Patrignano. Si tratta di una docuserie originale che racconta, attraverso testimonianze e immagini di repertorio, le vicende – spesso controverse – che negli anni Ottanta e Novanta hanno segnato la comunità di recupero per tossicodipendenti fondata da Vincenzo Muccioli nel 1978, dalle sue origini fino al 1995, anno della morte di Muccioli. La serie, diretta da Cosima Spender, è divisa in cinque puntate di un’ora ciascuna dai titoli: Nascita, Crescita, Fama, Declino e Caduta. Al centro del racconto, il dilagare dell’eroina in Italia, la figura carismatica di Muccioli, il cosiddetto “processo delle catene” (nato dal ritrovamento da parte dei carabinieri di alcuni ospiti legati alle catene e rinchiusi nei canili) e le vicende legati a suicidi e presunti abusi.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lory Del Santo e il suicidio del figlio Loren: “Purtroppo forse è meglio che sia successo. Ci sono malattie che non tornano mai indietro”

next
Articolo Successivo

L’anno che verrà, il Capodanno di Rai Uno evita la piazza per la pandemia: la scaletta e gli ospiti

next