Facebook è pronta a dire addio al paradiso fiscale irlandese e a pagare più tasse nei Paesi in cui opera. Il gruppo di Mark Zuckerberg sta chiudendo tre holding in Irlanda in cui ha incanalato miliardi di profitti per usufruire di un regime agevolato, evitando una tassazione più pesante in Usa e nel resto del mondo. Ad anticipare la sono stati il Times e il Guardian. La mossa, ha spiegato la società californiana, riflette “i recenti e imminenti cambiamenti della legislazione fiscale” che i governi stanno attuando in vari Stati. Ha pesato in particolare la causa intentata dall’Internal Revenue Service, l’agenzia governativa Usa deputata alla riscossione dei tributi, secondo cui il social deve versare più di 9 miliardi di dollari legati al trasferimento, nel 2010, dei suoi profitti in Irlanda.

Le società irlandesi sono state usate per detenere la proprietà intellettuale di Facebook per le vendite internazionali e raccogliere così i pagamenti dalle altre società di Facebook in tutto il mondo. Stando ai due quotidiani, la principale filiale irlandese di Facebook avrebbe pagato solo 101 milioni di dollari di tasse su profitti di 15 miliardi nel 2018, ultimo anno per cui sono disponibili i dati. La Facebook International Holdings I Unlimited Company ha registrato un fatturato di 30 miliardi di dollari nel 2018: più della metà del fatturato mondiale complessivo di Facebook, che è pari a 56 miliardi.

“Le licenze di proprietà intellettuale relative alle nostre operazioni internazionali sono state rimpatriate negli Stati Uniti”, ha dichiarato Facebook. “Tale cambiamento, che è entrato in vigore dal luglio di quest’anno, allinea al meglio la struttura aziendale con dove prevediamo di avere la maggior parte delle nostre attività e delle persone. Riteniamo che sia coerente con i cambiamenti recenti e imminenti della legislazione fiscale che i decisori politici stanno sostenendo in tutto il mondo”. A cominciare da quelli dell’Unione europea, che puntano a convergere sulla web tax: un obiettivo – ha spiegato nelle scorse settimane il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri – al centro anche della presidenza italiana del G20.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

Acciaierie di Piombino, dal fallimento Lucchini agli indiani di Jindal che ora aspettano l’ingresso di Invitalia (con i buoni uffici di Carrai)

next
Articolo Successivo

Fincantieri-Stx, prorogato di un mese il termine per la fusione italo-francese. Lettera di Patuanelli e Le Maire all’Antritrust Ue

next