Milano, novembre inoltrato. Ti chiama il tuo medico per dirti che deve disdire l’appuntamento. I vaccini antinfluenzali che aveva ordinato non sono arrivati: forse la settimana prossima.

Passa una settimana, poi due, poi tre, ma le dosi non arrivano: pare che la regione Lombardia non sia riuscita a procurarsele. A metà dicembre il medico suggerisce di contattare il centro prenotazioni del Sistema Sanitario Lombardo: pare che i vaccini ci siano, anche se a lui non li hanno mandati. E le cose stanno proprio così.

Dal suo sito la regione ti invita a prenotare il tuo vaccino antinfluenzale e cerca di convincerti che sarebbe proprio una buona idea: “In questo contesto, la vaccinazione antinfluenzale è un alleato importante e risulta fondamentale per le persone ad alto rischio, sia per la tutela della loro salute, sia per semplificare la gestione e le diagnosi tra i casi sospetti Covid-19 e i casi di influenza stagionale, i cui sintomi sono tra loro molto simili”.

Ti senti quasi colpevole: che cosa stai aspettando? Sarai mica un anti-vax? Non vorrai complicare la gestione della pandemia e dei casi sospetti di Covid? No, no, tu non vuoi e decidi di telefonare immediatamente al numero verde, anche se non riesci a spiegarti perché al tuo medico, che aderisce alla campagna vaccinale, i vaccini non li abbiano ancora mandati.

L’addetta alle prenotazioni telefoniche è gentile ed efficiente, l’appuntamento te lo dà subito, dopodomani potrai vaccinarti presso una struttura privata lontana dal tuo domicilio, dall’altra parte di Milano, in una zona in cui il parcheggio è una chimera. Dovrai arrivare dieci minuti prima dell’appuntamento e resterai in una sala d’attesa per poi effettuare l’accettazione. L’addetta non sa quante persone troverai nella sala d’aspetto, ma è sicura che le distanze saranno rispettate e che tutti indosseranno correttamente la mascherina. Espletate tutte le formalità potrai accedere alla sala vaccini e farti finalmente bucare.

Passa qualche ora e cominci ad avere dei dubbi: lavori da casa, non entri da mesi in un supermercato e ti fai recapitare la spesa a domicilio, non sali sui mezzi pubblici, non vai a teatro, non vai al cinema, non vai al ristorante, con gli amici parli solo al telefono e adesso hai appena deciso di prendere autobus e metro e di infilarti in una sala d’attesa in un luogo chiuso, si spera ventilato ma non ne sei sicuro, dove ci saranno altre persone, magari parecchie, che non conosci e che, forse, la maschera la terranno sul collo invece che sul naso (pare sia molto trendy)?

Ma sei matto? Per evitare l’influenza stagionale accetti di entrare in luoghi chiusi insieme a soggetti potenzialmente positivi rischiando di ammalarti di Covid? Ma chi te lo fa fare? No, il gioco non vale la candela: meglio disdire l’appuntamento.

E pensare che quando un paziente arriva nello studio del tuo medico, che riceve solo su appuntamento, trova solo lui e non altre persone, a parte il fatto che tiene i locali aerati e la mascherina sul naso. Perché non gli consegnano le dosi che ha ordinato? Boh, qualcosa non torna in Lombardia, per non dire di peggio.

Le vaccinazioni antinfluenzali saranno erogate:

1. dai Medici di Medicina Generale che aderiscono alla campagna: in questo caso è consigliato verificare le modalità dell’offerta presso il proprio Medico di Medicina Generale;

2. presso i Centri vaccinali delle Asst;

3. nei luoghi dedicati, individuati dalle Asst anche con la collaborazione dei Comuni.

E’ più importante accordarsi preventivamente con il proprio Medico o con le Asst di riferimento e rispettare modalità e tempi della prenotazione, così da garantire il rispetto delle norme di distanziamento ed evitare assembramenti.

Che c'è di Bello - Una guida sulle esperienze più interessanti, i trend da seguire e gli eventi da non perdere.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, solo i posteri capiranno la causa di questo disastro. Se non dimenticheranno

next
Articolo Successivo

Natale, per viverlo a pieno godiamocelo come viene e con le emozioni più vere

next