Pepe Salvaderi è morto. “Ciao Pepe te ne sei andato a suonare con gli angeli e ci hai lasciato qui a piangerti e ricordarti per sempre”. Con queste parole, i Dik Dik hanno annunciato la scomparsa di Emilio Salvaderi, noto come Pepe, musicista e fondatore del gruppo insieme a Giancarlo Sbrizolo e Pietro Montalbetti. “Conoscendo la tua innata ironia lo avrai fatto così senza avvertirci affinché suonassimo le tue canzoni, le nostre canzoni ancora più forte, così forte da arrivare fino al cielo e il cielo sarà con te ad ascoltarci” scrivono ancora i Dik Dik. E poi: “Noi non ti abbiamo perso e non ti perderemo mai perché sei e sarai sempre dentro di noi e ti promettiamo un cosa, l’ultimo lavoro, quello che hai voluto tanto non andrà perduto. Ciao fratello, amico, grande musicista, ciao Pepe ci incontreremo in tutti i nostri sogni”. Fondatore del gruppo nel 1965, Salvaderi aveva cominciato studiando chitarra classica con Miguel Albeniz. Nei Dik Dik suonava chitarra ritmica e tastiera intervenendo anche come voce secondaria. Tra i successi del gruppo, ‘L’isola di Wight’. “I DikDik furono quelli che portarono il nastrino dei Decibel alla nostra prima casa discografica. Registrammo il primo album con Pepe Salvaderi sempre presente in studio, assieme a Giancarlo e al povero Joe Vescovi. Quanti ricordi. Un abbraccio Pepe, ovunque tu sia adesso”. Lo scrive Enrico Ruggeri su Twitter.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

‘Museca’, la pelle dei Tamburi del Vesuvio è tornata a vibrare

next
Articolo Successivo

Musica classica, due cd rarità ci restituiscono due autori dimenticati del Seicento romano

next