Depresso, la moglie divorzia, va dal medico per curarsi e scopre che il medico è l’amante della moglie. La vicenda del 47enne Peirson Tone della contea di Deschutes in Oregon sembra uscita da una pochade degli anni Settanta/Ottanta. Come riporta un sito web locale l’uomo soffriva di depressione a causa del fallimento del proprio matrimonio.

Per questo ha consultato il suo medico di famiglia che gli ha consigliato cure a base di marijuana e lunghe sedute di respirazione. Tuttavia l’approccio curativo del dottor Ronald Rosen e della sua Open Paths Integrative medicine era già stato attivato dal 2015 al 2018 su tutta la famiglia Tone, compreso il figlio e la moglie. Poi nel 2018 la coppia comincia a scricchiolare. Lei lascia il marito e il marito cade in depressione. Qui interviene il dottor Rosen con la ricette in cui si prescrivono canne da mattina a sera. Infine il colpo di scena: Peirson Tone scopre che sua moglie ha avuto una relazione con Rosen.

Ecco allora la causa e il risarcimento danni con una richiesta di quasi 3 milioni di dollari per negligenza professionale. “Come risultato della condotta (di Rosen), il querelante ha sofferto di sofferenza emotiva inclusa la perdita del suo matrimonio e la distruzione emotiva e sociale della sua famiglia”, c’è scritto nella richiesta del querelante depositata al tribunale della contea. Rosen, secondo quanto riporta il giornale locale The Bullettin, ha ottenuto la licenza per esercitare la medicina in Oregon dal 1991 e non ha precedenti casi di negligenza medica a suo carico.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Monolite argentato appare nel deserto dello Utah: chi lo ha messo lì?

next
Articolo Successivo

Tesoro, mi si è ingigantito il ragno. Lascia l’animale nella sua seconda casa per un anno e quando torna scopre che è diventato enorme

next