“Io non voglio figli ora, devo fare ancora un sacco di rock’n roll. La maternità non è un obbligo“. A dirlo è una scoppiettante Emma Marrone che, in un’intervista al Messaggero, si è raccontata a cuore aperto, rivendicando il diritto suo e di tutte le donne a diventare madri se e quando lo vorranno, tanto più che al giorno d’oggi la scienza viene in aiuto. “Ognuno ha il suo percorso. Può succedere che una donna voglia dedicarsi a se stessa. E poi anche l’età delle madri è cambiata. Oggi abbiamo la possibilità di congelare gli ovuli e conservarli”, ha detto la cantante salentina da sempre in prima linea contro la discriminazione delle donne e ora anche testimonial di una campagna che invita a “fare un passo avanti” per sradicare pregiudizi ed etichette che ancora determinano il percorso di una donna.

“Oggi le donne studiano, viaggiano, sono indipendenti. Difficile trovare uomini che accettano questo, io li terrorizzo. Levati i panni da rockstar quando torno a casa io impasto polpette, faccio la lavatrice, so aggiustare un mobile, sistemo tutto da sola. È brutto quando non puoi avere il controllo su una donna. Ma so che da qualche parte c’è uno alla mia altezza“, ha spiegato ancora Emma.

“Ero una bionda che aveva vinto un talent (Amici nel 2009) e quando parlavo la gente si chiedeva: ‘Ma cosa vuoi che ne capisca questa?’. Una donna può parlare di moda, vestiti o trucchi, ma guai ad affrontare temi più seri. Mi dicevano non durerai, dopo 10 anni eccomi qui“, ha raccontato per poi concludere: “L’Italia non è ancora pronta per chi si mostra senza paura dei pregiudizi”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roby Facchinetti: “Le parole che Stefano D’Orazio mi ha detto poco prima di morire”

next
Articolo Successivo

“Mina direttore artistico del Festival di Sanremo? In Rai erano talmente interessati che nessuno ci ha chiamato”: la rivelazione del figlio Massimiliano Pani a FqMagazine

next