Un’altra pagina di storia, un’altra serata da ricordare. L’Atalanta ha un feeling particolare con la Champions league. Dopo lo schiaffo incassato a Bergamo, i ragazzi di Gasperini danno vita alla gara perfetta a Anfield, schiantando il Liverpool con un uno-due nella ripresa grazie Ilicic e Gosens. Un successo storico che permette alla Dea di tenere il passo dell’Ajax, che non ha avuto problemi contro il Midtjylland, facendo un balzo avanti importante nella corsa verso gli ottavi di Champions League.

Gli inglesi, forti del 5-0 di qualche settimana fa, hanno pagato a caro prezzo un turnover eccessivo e un approccio troppo morbido alla partita. Atteggiamento che alla lunga è costato caro al Liverpool e che complica, seppur di poco, i piani qualificazione. Gasperini se la gioca con un tridente piccolo e senza una prima vera punta: fuori sia Zapata che Muriel, Gomez e Pessina supportano Ilicic, schierato come nove. Klopp, in emergenza difensiva, fa riposare Firmino e Diogo Jota, devastante al Gewiss Stadium, rilanciando dall’inizio Momo Salah, fresco di guarigione dal coronavirus, nel tridente con Manè e Origi. Fin dalle prime battute appare chiaro che la Dea timorosa e impaurita di qualche settimana fa sia rimasta a Bergamo. Perché l’Atalanta che si presenta Anfield è agguerrita da subito, pronta a vendicare il pesante ko della gara d’andata.

Al 9′ Alisson salva sul primo palo sul bolide di Gosens, poco dopo il Papu è impavido nell’affrontare i Reds a difesa schierata: rasoterra di poco a lato. Gli orobici prendono fiducia, le micidiali ripartenze e il pressing mortifero degli inglesi non si vedono. Per attendere una conclusione dei padroni di casa bisogna attendere infatti quasi un tempo, quando Salah spara alto dopo essersi liberato sull’out destro. Il predominio territoriale degli orobici si conferma tale anche nella ripresa. Solo che questa volta l’Atalanta concretizza. Il vantaggio matura al termine di una splendida azione corale, che si sviluppa sulla sinistra, con Gomez che pennella per il palo opposto per Ilicic, che in spaccata trafigge Alisson e ritrova il gol dopo un lungo calvario. Klopp ribalta i suoi ricorrendo addirittura a un quadruplo cambio, con dentro i titolarissimi (da Fabinho a Robertson passando per Diogo Jota e Firmino), ma la Dea non fa sconti e chiude il match prima che i Reds possano riorganizzarsi, con una azione simile a quella dell’1-0, appena 4 minuti dopo l’acuto dello sloveno. Gomez crossa dalla sinistra per Hateboer, che fa da sponda in mezzo per l’inserimento di Gosens, lasciato colpevolmente solo in area: il tedesco non sbaglia, i Reds sono al tappeto. Nel finale l’Atalanta non rischia praticamente nulla: e ora sogna gli ottavi.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Inter-Real Madrid, 22 anni fa l’ultimo canto di Simoni e Baggio in nerazzurro: il 3 a 1 al Meazza che regalò l’accesso ai quarti

next
Articolo Successivo

Inter – Real Madrid 0 a 2: gli spagnoli si divertono, Vidal si fa espellere per proteste. Ora per Conte è durissima

next