Aspettava un cuore e un polmone nuovi. Non sono arrivati in tempo e Ines Frassinetti, 14enne marchigiana, non ce l’ha fatta. Se n’è andata lo scorso 29 ottobre dall’ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma, dove ha passato il suo ultimo anno di vita. Affetta dalla sindrome di Vacterl, che comporta malformazioni a diversi organi, la ragazza ha trascorso la sua esistenza facendo avanti e indietro per i policlinici. Sono stati quaranta gli interventi chirurgici subiti in quattordici anni di vita.

Sempre solare e sorridente, Ines è stata una vera guerriera. Chi l’ha conosciuta la ricorda per la sua gioia di vivere e il suo altruismo. “La sua voglia di vivere era immensa, non si fermava mai. Durante i tanti ricoveri in ospedale passavano da lei perché si alzava col sorriso e faceva ciò che doveva col sorriso”, ha raccontato la mamma. Ines non ha mai mollato un solo istante. Attendeva il trapianto “come una regina attende il suo re”. Lo canta anche in una canzone dedicata proprio al dono del trapianto: l’aveva scritta in ospedale, dove aveva trasformato la sua stanza in un “laboratorio”. Il video del brano, dove la ragazza canta assieme a due infermieri, ha superato le 225mila visualizzazioni.

Da gennaio 2020 era nella struttura del Gianicolo a Roma. La mamma racconta: “Non so se è stato il Covid, ci hanno detto che i trapianti erano diminuiti per questo problema. Ci speravamo proprio nel trapianto -conclude – avrei voluto che avesse per quello che si poteva una vita normale come i coetanei, è un peccato che non sia accaduto. Ma la sua storia mi piacerebbe si trasformasse in speranza e in una lezione. Per ricordare che nonostante tutto la vita è bella”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Michela Giraud a FQMagazine: “Ero quella che alle cene rompeva le scatole a tutti. La comicità non deve essere corretta, ma intelligente”

next
Articolo Successivo

Lillo rientra a casa dopo il Covid, ecco il suo primo post dopo il tampone negativo: “Sapete cosa ho fatto quando mi hanno tolto il respiratore?”

next